Argento

Rispondi
Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 27

Argento

Messaggio da Saphiry e Deianira » lun 05/gen/2009 21:56:00

TAH-DAH-DA!

Nuova storia d'amore. Personalmente mi piace davvero molto. Penso che sia la mia preferita insieme a "Storia di un'anima innamorata"...
Questa dev'essere la penultima,se non me ne vengono in mente altre:

Alle femmine della mia specie l'amore non interessa.
Ai maschi,poi,non ne parliamo nemmeno!
Tutto ciò che gli importa è avere o dare cuccioli ben forti che possano far sopravvivere nel tempo il loro ricordo di bestie potenti che hanno sconfitto la morte.
Il ricordo!
In questo sta la loro immortalità.
In questo non c'è amore.
I cervi di questa foresta non conoscono l'amore.
Io,invece,si.
Sono un cervo anche io,ma le femmine non vorrebbero mai che fossi padre dei loro cuccioli,ed i maschi mi evitano,mi temono.
Perchè,questo? Il mio mantello non è di quei bei colori dell'autunno come quello degli altri,le mie corna non sono rami nodosi di alberi secolari,i miei occhi non sono castagne mature.
Il mio pelo è candido,ma dai riflessi argentati che scintillano meravigliosamente sia nelle tenebre che nella luce,è più brillante della luna.
Riluce nella notte ed illumina l'oscurità della mia foresta.
I miei palchi sono di potente pietra bianca lucente,così gli zoccoli. I miei occhi sono cangianti. Ora hanno l'azzurro chiaro e meraviglioso del cielo di primavera,ora il colore cristallino dell'acqua di fonte ghiacciata nell'inverno,ora il blu intenso e profondo del mare scosso dalle potenti burrasche d'autunno,ora il bel turchese argentato dei nontiscordardimè che nascono d'estate ai margini del mio bosco.
Ma non è di me che voglio parlare. Dicevo,io conosco l'amore.
No,non parlo di graziose cerbiatte dalle forme gentili. Costoro sono troppo di facili costumi,e dopo una stagione degli amori,se ne vanno lasciandoti con la malinconia nel cuore.
No,l'amore di cui parlo io è duraturo,eterno,monogamo e al di sopra di ogni differenza e pregiudizio. Io amo una giovane,graziosa umana.
Stupido,dite? No,io non trovo affatto. Ora spiegherò,così anche voi potrete capire.
Io vivo da solo,nel mio bosco. Esatto,mio. Io lo proteggo e custodisco,io vi porto la luce. Perdonate la mia mancanza di modestia,ma è proprio così.
Comunque,nel centro del bosco c'è una piccola abitazione di legno in cui vive una giovane umana. Prima anche il vecchio padre rimaneva presso di lei,ma ben presto,lo ricordo bene,morì.
Oh,lei è deliziosa! Da molto tempo,ormai,io mi fermo tra gli alberi e la osservo uscire dalla sua tana,ripulire intorno,gettare granaglie alle galline.
Dapprima mi limitavo a guardarla da lontano. Non è molto alta,è decisamente più giovane di me,o almeno così pare,il suo pelo è corto,cresce solo sulla testa e le arriva alle spalle,ha il colore dell'ebano e riflessi corvini. Sul resto del corpo,o meglio,su ciò che posso vedere io,non ha mantello. La sua pelle è chiara,bianca come le nuvole,bianca come la neve. Ed i suoi occhi,oh,i suoi occhi così grandi,innocenti e trasparenti... sono verdi,verdi come l'erba fresca d'estate,verdi come gli smeraldi più lucenti e preziosi.
Attraverso quei suoi occhi si puo vedere la sua anima,così pura,così gentile. Quegli occhi che dicono solo la verità...
Magari anche per quello mi sono innamorato di lei. Riuscivo a vedere la sua natura,lei,così immacolata,senza colpe,così candida,così pudica.
Dopo averla osservata per molto tempo,ho deciso di avvicinarla. Un giorno,mentre lei andava tranquillamente ad attingere l'acqua da un pozzo,mi accostai a lei.
Ricordo molto bene quel dì. Lei si spaventò e sussultò. Come se avesse avuto davanti un lupo!
Ma anche questo mi piacque di lei. Quando capì chi ero,mi si avvicinò,mi accarezzò il muso,il collo,le orecchie,mi sfiorò le corna affilate. La lasciai fare,poi abbassai il capo e le posai il naso rosa su una guancia:
-Io vi amo...-
Lei rise. Non capiva,certo che no,tuttavia io compresi che di bene me ne voleva anche lei:
-Come sei bello,cervo. Ce l'hai un nome?-
Io? Un nome? Eh,no...Mi carezzava la testa dicendolo.
-Un nome...ti darò io un nome. Argento. Mio buon Argento.-
Anche ora l'ho mantenuto. Frequentemente ci incontriamo ancora,io e lei. Camminiamo fianco a fianco. Lei tiene una mano bianca sul mio dorso,sul mio costato,sul mio collo.
La accompagno io,sempre,ovunque. Durante la notte riposo nei pressi della sua abitazione. Non posso lasciarla senza protezione. Non potrei ne lo farei mai!
Adoro sentirla vicina,sentire quando mi abbraccia o mi bacia il muso.
-Vorrei essere un umano per stare sempre con te.- Dico io,ma lei non capisce.
-Ti voglio bene,Argento...-
Questa è la cosa più bella che potessi dirmi! Sul serio. Nessuna cerbiatta lo dice mai. Non lo reputano importante. Ai maschi non interessa nemmeno. A me si,molto. Io sono diverso da loro.
Vorrei che lo ripetesse all'infinito. Non mi stuferei mai di sentirlo! Ogni volta quella frase avrebbe una sfumatura diversa che la volta prima non sarei riuscito a cogliere,ogni volta esprimerebbe con forza crescente l'amore,ogni volta ci sarebbe un sentimento diverso oltre a questo forte affetto che ora ci lega. Sarebbe ora più dolce,ora più melanconico,ora più allegro,ora più triste,ora più tenero,ora più gentile.
-Di' che non te ne andrai con un ragazzino qualsiasi della tua razza!- Piango io,quando,infine,lei torna a casa.
Lei mi sorride amorevolmente,mi prende il muso tra le mani color neve,lo abbassa portando i miei occhi all'altezza dei suoi:
-Domani tornerò. Stasera devo andare. Di notte escono i lupi. Ti prego,Argento,stai attento.-
I lupi temi? Io no. Proteggo anche loro,e loro non osano attaccarmi. Non per paura,ma per gratitudine. Sono io il Guardiano,io che sorveglio ogni creatura della foresta,dal timido leprotto alla possente quercia.
-Sorveglio anche te...-Sussurro guardandola entrare nella sua tana. Le mie corna bianche-argentee scintillano. Il mio mantello anche. La notte scende. Per il cielo,quanto ti amo!

*****

La stagione degli amori è finita. Comincia la triste stagione della caccia. In questo periodo,molti di noi cervi trovano la loro morte,e cadono a terra in una pozza di scuro sangue scarlatto. Le frecce crudeli dei cacciatori straziano le carni dei miei fratelli e portano via la loro vita,colpendoli al cuore.
Il cuore! Quanto è sensibile il cuore,e non solo alle ferite fisiche!
Ora mi è difficile,purtroppo,raggiungere colei che amo.
I cacciatori si piazzano davanti alla sua porta e chiedono se ha visto dei daini,dei lupi,delle lepri,dei cervi.
Ah,guarda qua! Va ben tutto,a loro! Che sia il grande orso bruno,che sia la piccola lepre,sono tutti uguali davanti alla morte!
Sono tutti solo sacchi di carne e organi che smettono di funzionare e di ossa che si fracassano!
Tutti sempre uguali davanti alla morte!
E così è pure per gli umani!
Che sia il povero straccione che vaga nel mio bosco a cercare una mora selvatica,che sia il ricco uomo d'affari che puo permettersi di cacciare a cavallo nella mia foresta con ventine di amici,tutti loro sono resi identici dalla morte.
Si puo almeno dire che la morte è molto giusta.
Non la si puo corrompere,non la si puo implorare o supplicare.
Anche il più tremendo guerriero deve arrendersi davanti ad essa,abbassare i palchi possenti o la lancia insanguinata e seguirla.
Ma mi sto perdendo nelle mie divagazioni,perdonatemi. Dovrei attenermi al racconto,ma adoro fermarmi a ragionare su un argomento.
Dicevo,in questo periodo fatico a raggiungere la mia amata,ma le rare volte in cui possiamo stare ancora insieme come si deve,sono indimenticabili e meravigliose.
Adoro stare con lei e,come ogni buon innamorato,darei la mia vita per lei! Vuoi il mio cuore,mia amata? Eccotelo,il mio cuore argentato è per te! Lo stringi già tra quelle sottili dita bianche senza accorgertene! Vuoi i miei palchi? Sono tuoi! Vuoi la mia foresta,il mio bosco,la mia vita? E' tuo,è tutto tuo,fanne ciò che vuoi! Capisci che sono disperato per l'amore? Ah,l'amore,un sentimento sì dolce e sì straziante!
Quando la vedo,mi inchino come farebbe un servo,l'aiuto come posso,mi lascio accarezzare,le permetto di montarmi sul dorso,la porto io alla sua tana,la proteggo dai lupi,dagli orsi,da qualsiasi minaccia. La amo tanto che se le succedesse qualcosa,morirei di crepacuore con lei.
Ed ecco,è una bella giornata,è sera,oramai. Siamo vicini,la accompagno a casa. Lei è abbracciata a me,al mio collo,e la sua testa e appoggiata a me. Tace,è stanca. Ma la sento,sento che mi accarezza un poco,sento il suo respiro lieve e caldo,sento il suo cuore battere,il suo petto sollevarsi ed abbassarsi.
Con il muso le sfioro i capelli d'ebano,glieli sposto dagli occhi. Voglio vedere bene quegli smeraldi che brillano di stanchezza.
Com'è giovane,com'è graziosa,com'è dolce!
-Ti amo...-Le sussurro,leccandole una guancia ed il collo. Lei ride un po' e di nuovo tace. Che bellezza.
Tuttavia...no! Mi fermo,immobile in mezzo alla foresta. Tutto il mio corpo brilla di luce propria,bianca,scintillante nel bosco. Paio un astro nel cielo nero. Rizzo le orecchie,vibro. Lei alza il capo:
-Cos'hai,Argento mio?- Sussurra appena. Anche lei è spaventata. Improvvisamente la stacco dal mio corpo,con le corna la spingo in un cespuglio e la nascondo appena in tempo: davanti a me c'è un cacciatore con una freccia nell'arco.
-Il leggendario cervo bianco delle stelle?-Mugugna e prende la mira. Io sono fermo,paralizzato. Non riesco a muovermi,sono trattenuto. Con occhi sbarrati lo guardo,mentre la freccia parte sibilando e fende l'aria arrivando fino a me...ma...
-NOOOOOOO!!!-
Io ed il cacciatore gridiamo nel medesimo istante: lei,lei si è messa in mezzo! Tra me e la freccia! E quella,quella crudele punta di pietra sottile l'ha colpita nel fianco sinistro,le è rimasta conficcata nella carne,e la ferita butta fiotti di sangue carminio!
-No,no,no!-Piango disperatamente,strappo la freccia,sfioro il viso ancora più pallido della mia amata. Lei geme,grida,piange per il dolore. Poverina,è giovane,è piccola!
No,no,non posso accettarlo! Ho paura,sono terrorizzato! Sono disperato! Cosa posso fare? Non morire,ti prego,sei la mia unica ragione di vita,la mia fiamma,tutto ciò che conta nella mia misera vita! Ti prego,ti prego! Lei mi guarda,stringe gli occhi in una smorfia. Le fa male! E il cacciatore,dov'è quel bastardo? Sta scappando!
La guardo ancora,tremando disperato. Le lecco la ferita,anche se so che non serve. Quando si ama,non si bada a quanto stupide possano essere le proprie azioni,basta che facciano star meglio l'altro. Piango,piango anche io mentre lei rantola e geme,sfiorandole il viso con il muso. Poi capisco cosa devo fare:
-Aspettami,ti prego,resisti!- Singhiozzo. Lei sembra capire. Si trascina fino al tronco di un albero,ci si appoggia,cerca di fermare il sangue con degli stracci. Io balzo in piedi e mi getto all'inseguimento del cacciatore.
Sono furioso,affamato di vendetta! La rabbia nel mio cuore,l'odio,l'ira più feroce ruggiscono nel mio cuore come leoni,le mie zampe ne sono alimentate,i miei muscoli si tendono,l'astio mi invade completamente,voglio ferire,uccidere,voglio vendetta!
Eccolo,il cacciatore! Sta cercando di riprendere fiato,appoggiato contro un albero. Mi ci getto contro,testa bassa,i palchi affilati pronti a trafiggerlo. Lui grida d'orrore e paura,e sfila una freccia dalla faretra. Con un guizzo balza via dalla mia portata,mi volto,carico ancora. Io parto,la freccia pure. Ci scontriamo in direzioni opposte. La sento penetrare nella mia carne,nel mio petto,sento il dolore acuto e atroce,una morsa feroce per uccidere,ma la mia rabbia è più forte della sofferenza fisica. Ha perso tempo a prendere la mira,non riesce a scansarsi. E questa volta i miei palchi colpiscono. Lo sollevo nell'aria,lo scaravento a terra,e di nuovo attacco,ed ancora,ancora,finchè le mie corna bianche non sono coperte del suo sangue scarlatto che cola sul manto e si mescola con il mio.
Ora la rabbia lascia il mio corpo. Il dolore si fa sentire,il mio respiro è pesante. La freccia. So che mi ucciderà. Me la strappo dal petto. Una fitta atroce mi attraversa. Trotto verso il luogo in cui ho lasciato la mia amata. Il mio passo,il mio respiro,il battito del mio cuore si fanno sempre più lenti,sempre più irregolari.
Eccola,è lei. Socchiude appena gli occhi color smeraldo. Non riesce ad alzarsi,ma piange,piange disperatamente. Io mi sdraio e tiro lei in modo che posi la schiena sul mio fianco. Il suo sangue finisce sul mio corpo,il mio sul suo. Lei si ranicchia,gemendo per il dolore e per la paura. Io lascio cadere la testa a terra,ansimando.
La mia amata mi abbraccia,bacia il mio mantello bianco e luminoso. Scende la notte,e la mia luce si affievolisce lentamente.
Siamo così vicini,ora,così uniti. Vorrei che questa notte,nonostante tutto,durasse per tutta la vita. Anche lei smette di lamentarsi.
-Ti voglio...bene...Argen...to...-
-Ti am....amo..-
Con un sospiro contemporaneo,entrambi ci spegniamo nello stesso istante,e le nostre anime alleggerite dall'amore,volano insieme nel cielo nero,abbracciate.

Per la ragazza h preso ispirazione da Biancaneve (ehmm...) mentre per Argento da questo disegno:
http://kaijae.deviantart.com/art/Silver-Stag-76299409
Mescolato a questo:
http://fallingspirit.deviantart.com/art ... g-73273558

A dire il vero,Argento è nato parecchio tempo fa,ma non avevo mai scritto nulla su di lui,e questi due disegni che ho visto mi han fatto venir voglia di farlo...in due-tre orette è nata la storia...
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

Avatar utente
Cassandra e Sibilin
Daemian
Messaggi: 4459
Iscritto il: mer 17/dic/2008 16:05:00
GPC: 08 dic 2008
Forma: campo base
Località: Qui.
Età: 30

Messaggio da Cassandra e Sibilin » lun 05/gen/2009 22:22:00

oh oh oh oh *-*
questa è una storia meravigliosa! Stupenda!
Muoiono tutti e due xD
no dai *?* bellissima!
Complimenti davvero :wink:
I'll shake the ground with all my might
I will pull my whole heart up to the surface
For the innocent, for the vulnerable
I'll show up on the front lines with a purpose
And I'll give all I have, I'll give my blood, I'll give my sweat-
An ocean of tears will spill for what is broken
I'm shattered porcelain, glued back together again
Invincible like I've never been

Avatar utente
Sofy e Manphy
Daemian
Messaggi: 1379
Iscritto il: mar 30/dic/2008 17:02:00
GPC: 28 dic 2008
Località: Dietro di te.. o.o
Età: 24

Messaggio da Sofy e Manphy » lun 05/gen/2009 22:23:00

Wow..sono rimasta a bocca aperta!! :shock: Sei proprio brava..da quant'è che conosci la tua capactà x la scrittura?? Anche a me piace molto scrivere e leggere!!
(xD) :P

Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 27

Messaggio da Saphiry e Deianira » lun 05/gen/2009 22:27:00

Awhiuh,grazie mille a tutt'e due!
Akita,immaginavo ti sarebbe piacuta! All'inizio pensavo di far morire solo lei,poi ho detto "ma no,facciamo felice Akita" e son morti entrambi! :mrgreen:
Grazie mille,Sofia! ^^ A dire il vero mi è sempre piaciuto moltissimo scrivere,fin da quando so farlo...o meglio,fin da quando so fare i temi (ho imparato a leggere/scrivere a tre anni,ma ancora non andavo matta per i componimenti xD)
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 25

Messaggio da Fede e Pyrrheus » lun 05/gen/2009 22:31:00

Bella,bella,bella! E cavolo, devo trovare il tempo di leggermi pure le altre! Scrivessi io così bene... peccato per la fine, è triste...
E dire che io di solito adoro le cose tragiche XD
Comunque è scritta molto, molto bene! Clap,clap! :D
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Avatar utente
Cassandra e Sibilin
Daemian
Messaggi: 4459
Iscritto il: mer 17/dic/2008 16:05:00
GPC: 08 dic 2008
Forma: campo base
Località: Qui.
Età: 30

Messaggio da Cassandra e Sibilin » lun 05/gen/2009 22:33:00

nuuu....e se moriva solo lei dov'era il gusto? xD
aah, che storia! *?*
I'll shake the ground with all my might
I will pull my whole heart up to the surface
For the innocent, for the vulnerable
I'll show up on the front lines with a purpose
And I'll give all I have, I'll give my blood, I'll give my sweat-
An ocean of tears will spill for what is broken
I'm shattered porcelain, glued back together again
Invincible like I've never been

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Messaggio da Claudio-Olyandra » mar 06/gen/2009 11:50:00

Sai cos'ho pensato, Andrea, mentre scorrevo la narrazione? "Qui ha preso spunto da Bambi"... ;) L'hai visto, no? Vaga con la mente alla scena dove madre e figlio escono nella radura a brucare un po' d'erbetta, finché un venatore si appropinqua e uccide la cerbiatta durante la fuga... Ecco, mi è sembrata la versione scritta di quelle immagini, che da piccolo mi hanno segnato e sono rimaste impresse, incastonate nei miei ricordi. Tutto combacia! C'è l'ambientazione, c'è il cacciatore, ci sono due personaggi buoni, sol che, invece di essere due cervi, qui abbiamo un cervo ed una ragazza, ed il loro amore non è filiale, ma romantico. Lascia senza parole leggere questi spaccati di dolcezza e di beltà narrativa. :D
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Valery
Daemian
Messaggi: 130
Iscritto il: mar 16/dic/2008 20:29:00
Età: 25

Messaggio da Valery » mar 06/gen/2009 18:42:00

concordo pienamente con Claudio....questa è una delle + belle....brava! :D

Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 27

Messaggio da Saphiry e Deianira » mar 06/gen/2009 20:52:00

Bambi mi ha "traumatizzata". Ogni volta che vedevo quelle scene,da piccola,piangevo,e anche ora quasi mi commuovo a riguardare il cartone.
(Ma io da cucciola piangevo pure per "Il Re Leone",quando moriva Mufasa)
I cartoni Disney sono un buono spunto,tuttavia quando ho scritto questa non ho pensato a Bambi quanto,come ho detto,a Biancaneve.
La ragazzina,occhi a parte,è proprio la pischella del film,il cacciatore c'era anche lì,il padre era morto pure nella versione Disney,lei aveva molti amici animali.
Per quanto possa apparire assurdo ho preso più spunto da Biancaneve che da Bambi per scrivere la storia di un cervo! :mrgreen:
Lascia senza parole leggere questi spaccati di dolcezza e di beltà narrativa.
*Curtseying* Grazie mille,Claudio!
questa è una delle + belle....brava!
*Secondo Curtseying* In effetti questa è anche una di quelle che mi piacciono di più...grazie,Valery! ^^
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 06/gen/2009 22:45:00

e` davvero bella, Andrea... triste, ma bella... scrivi davvero storie magnifiche...

Rispondi