Primi passi col Daimonismo

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Messaggio da Claudio-Olyandra » ven 03/ott/2008 18:14:00

Forse nella storia della psicologia, in relazione a Socrate. :wink:

Direi però di rimetterci in pista. :D
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
RedSoul&Denzela
Daemian
Messaggi: 476
Iscritto il: gio 25/set/2008 21:45:00
GPC: 0- 9-2008
Forma: Leopardo siberiano
Età: 32

Messaggio da RedSoul&Denzela » ven 03/ott/2008 23:05:00

E' possibile che il daimon menta...? Intenzionalmente magari, anche dopo avergli chiesto più volte conferme...?
Premetto che non mi piace illudermi o illudere gli altri alimentando false speranze, preferisco avere una visione realistica delle cose e accettare la verità, bella o brutta che sia... se devo dire qualcosa di spiacevole a qualcuno lo faccio, magari con tatto, ma non gli mento solo per dargli una speranza inutile.
Puo darsi quindi che se il mio daimon ritiene possibile, anzi ha la certezza sulla positività di qualcosa che io ritengo se non impossibile, altamente improbabile mi stia mentendo oppure ha una visione più completa della situazione, a cui io non riesco credere per via del mio io disilluso e forse pessimista...? Anche se mi pare davvero impossibile...

Negli ultimi giorni non mi sento molto in sintonia con luii... anzi, sto perdendo fiducia... forse in un forum di daemian questo potrebbe suonare come una bestemmia, ma comincio a pensare che sia stato solo una mia fantasia che mi sono creata per star meglio, oppure ho solamente diviso la mia mente in "due partizioni" per facilitarmi i ragionamenti... Ma allo stesso tempo non credo ancora veramente a questo e mi dispiace moltissimo di star facendo soffrire Denzela.
Vorrei solamente chiarirmi tutti i dubbi che ho in testa e che, eventualmente, tutto tornasse come prima...:cry:
Scusate lo sfogo.

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Messaggio da Claudio-Olyandra » ven 03/ott/2008 23:22:00

Partiamo dalla fine. Dire di nutrire dubbi sull'esistenza dei daimon non è affatto una bestemmia: se, infatti, si guardasse storto chi è affannato da questa paura, lui non esternerebbe i suoi timori ed il rapporto col suo daimon andrebbe a farsi friggere, che è l'ultima cosa che vogliamo. Ti prego di essere serena quando poni dei quesiti, perché non esistono Inquisizioni qua dentro: il Daimonismo è un movimento essenzialmente orizzontale, nascente dalla somma delle esperienze individuali che ciascuno palesa con un analitico momento riflessivo-speculativo. :D

Ora fiondiamoci sul merito della questione. Il daimon credo sia impossibile che menta al proprio umano, se non per gravissime ragioni: egli rappresenta e costituisce l'essenza vera e scevra da sovrastrutture di un essere umano, perciò è il simbolo stesso della schiettezza. Addirittura capita che un daimon riveli al proprio compagno delle verità per lui atroci onde ricondurlo sulla retta via o spingerlo altrimenti ad acquistare consapevolezza di sé. Ma il nodo è ancora più a monte: è davvero il tuo daimon che senti parlare? Vedi, quando subentra uno stato di tensione, paura, sconforto, agitazione, logoramento ovvero qualche altra situazione non proprio piana e liscia, può darsi che il dialogo si incrini, col risultato che si imputano al daimon frasi che invece l'umano ha concepito. In questi casi è consigliabile aspettare che la tempesta si stemperi e poi ritentare col dialogo, sgombrando la mente da ogni distrazione, ricercando la quiete dei sensi e dello spirito. :D

Tornerà tutto come prima, tranquilla, a condizione che tu serbi un minimo di fiducia in Denzela ed in noi. :wink:

Spero di averti dato buone dritte. :)
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Lux
Ex Amministratore
Messaggi: 467
Iscritto il: mer 15/feb/2006 16:54:00
Età: 31
Contatta:

Messaggio da Lux » sab 04/ott/2008 09:40:00

RedSoul&Denzela ha scritto:E' possibile che il daimon menta...? Intenzionalmente magari, anche dopo avergli chiesto più volte conferme...?
Premetto che non mi piace illudermi o illudere gli altri alimentando false speranze, preferisco avere una visione realistica delle cose e accettare la verità, bella o brutta che sia... se devo dire qualcosa di spiacevole a qualcuno lo faccio, magari con tatto, ma non gli mento solo per dargli una speranza inutile.
Puo darsi quindi che se il mio daimon ritiene possibile, anzi ha la certezza sulla positività di qualcosa che io ritengo se non impossibile, altamente improbabile mi stia mentendo oppure ha una visione più completa della situazione, a cui io non riesco credere per via del mio io disilluso e forse pessimista...? Anche se mi pare davvero impossibile...

Negli ultimi giorni non mi sento molto in sintonia con luii... anzi, sto perdendo fiducia... forse in un forum di daemian questo potrebbe suonare come una bestemmia, ma comincio a pensare che sia stato solo una mia fantasia che mi sono creata per star meglio, oppure ho solamente diviso la mia mente in "due partizioni" per facilitarmi i ragionamenti... Ma allo stesso tempo non credo ancora veramente a questo e mi dispiace moltissimo di star facendo soffrire Denzela.
Vorrei solamente chiarirmi tutti i dubbi che ho in testa e che, eventualmente, tutto tornasse come prima...:cry:
Scusate lo sfogo.
Se ho capito bene, il tuo daimon ti sta incoraggiando irispetto a qualcosa che tu ritieni impossibile e tu pensi che stia mentendo per farti stare meglio?

Se è così, allora no, non sta mentendo. E' solo ottimista. Lui crede sinceramente che tutto andrà per il meglio, anche se magari non sarà affatto così, e questo proprio perchè tu consideri la cosa impossibile.
Non devi pensare a Denzela come ad una specie di essere soprannaturale che conosce tutte le risposte, ma ad una parte della tua mente. Se vuoi veramente che succeda qualcosa, allora anche se sei completamente convinta che sia impossibile, non riuscirai mai ad eliminare la speranza che quell'evento si verifichi: ci sarà sempre una parte di te che crederà fermamente che quello che tu speri possa accadere,e questo sentimento nascosto viene riportato alla superfice dal fatto che tu conosca Denzela,e Denzela te lo esprime. Ovviamente può anche avvenire il contrario, cioè che un umano eccessivamente sicuro di qualcosa abbia un daimon con molti dubbi in proposito. E' una cosa perfettamente naturale.

Spero di essere stato d'aiuto.

Avatar utente
RedSoul&Denzela
Daemian
Messaggi: 476
Iscritto il: gio 25/set/2008 21:45:00
GPC: 0- 9-2008
Forma: Leopardo siberiano
Età: 32

Messaggio da RedSoul&Denzela » sab 04/ott/2008 23:14:00

@ Claudio

Forse "bestemmia" non era il termine giusto, scusa, mi sono espressa male. Intendevo dire che definire il daimon fantasia avrebbe potuto offendere qualcuno e non era mia intenzione.
Non ho mai visto il Daimonismo come una religione o simile, essendo atea non mi avrebbe attratto. Mi sono iscritta a questo forum dopo aver fatto delle ricerche e aver provato in prima persona a comunicare con il mio daimon e perché condivido i vostri ragionamenti.
è davvero il tuo daimon che senti parlare? Vedi, quando subentra uno stato di tensione, paura, sconforto, agitazione, logoramento ovvero qualche altra situazione non proprio piana e liscia, può darsi che il dialogo si incrini, col risultato che si imputano al daimon frasi che invece l'umano ha concepito. In questi casi è consigliabile aspettare che la tempesta si stemperi e poi ritentare col dialogo, sgombrando la mente da ogni distrazione, ricercando la quiete dei sensi e dello spirito.
No, sono sicura, era proprio luii anche perché ricevevo la stessa risposta per più giorni. Mi è già successo anche quello che dici tu, ma mi ero accorta che qualcosa non andava e allora ho lasciato stare e ho ripreso il dialogo più tardi.

@ Lux

In effetti credo di aver esagerato. Non lo avevo mai considerato un essere soprannaturale, so che è una parte di me, ma allo stesso tempo lo sento come qualcosa di distinto. Il fatto di provare affetto per luii... e poi mi è capitato che a volte, mentre parlavamo tirasse fuori delle informazioni che io non ricordavo di avere e anche se magari non ero d'accordo con quello che diceva, dopo avere verificato vedevo che aveva ragione. Così forse, ho cominciato a sopravvalutarlo e a fare riferimento a luii per qualsiasi cosa anche se luii stesso diceva che sapeva solo quello che sapevo io e che mi sottovalutavo.
Così anche in questo caso ho voluto credere a quello che diceva, anche se mi rendo conto che riportare alla mente nozioni dimenticate e credere di conoscere con certezza il futuro sono due cose ben diverse. E in effetti quello che temevo accadesse è successo come avevo immaginato... e subito me la sono presa con luii... come ho già detto non mi piace illudermi o avere un atteggiamento ottimista sulla base di niente perché poi quando accade qualcosa di spiacevole ci rimango male il doppio.
E' proprio come dici tu Lux, me ne sono accorta stamattina... Con Denzela, tra le altre cose, ho ritirato fuori quella parte ottimista che avevo cercato di reprimere, anche se immagino che sperare sia umano e che non si possa reprimere fino in fondo una parte sé. Evidentemente non conosco bene me stessa come arrogantemente credevo.

Grazie a entrambi per i consigli e la pazienza.

Avatar utente
Andrea & Danika
Daemian
Messaggi: 247
Iscritto il: gio 04/dic/2008 21:28:00
Località: Oriago (Ve)
Età: 40

Messaggio da Andrea & Danika » gio 04/dic/2008 21:50:00

Incuriosito dalla cosa, mi sono letto qualche post, e il dubbio rimane: un indiano in America mi ha riferito che il mio "animale Totem" è il lupo, e per dire la verità mi son sempre identificato in un canide e il selvaggio è mela mia natura intima... quindi l'esistenza di qualcuno "affianco a noi" non mi stupirebbe... coa devo fare per accertarmi della sua esistenza?
Immagine

Immagine

Kooma ed Eamon
Daemian
Messaggi: 648
Iscritto il: mer 04/giu/2008 17:15:00
GPC: 04 nov 2007
Località: Ignota
Età: 25

Messaggio da Kooma ed Eamon » gio 04/dic/2008 22:39:00

COSA?! HAI CONOSCIUTO UN INDIANO D'AMERICA? :shock: :shock: :o
Comunque sono delle cose molto ma molto diverse, quelle, il totem è una guida, però il daimon è l'anima in te. :roll: :wink:

Avatar utente
Andrea & Danika
Daemian
Messaggi: 247
Iscritto il: gio 04/dic/2008 21:28:00
Località: Oriago (Ve)
Età: 40

Messaggio da Andrea & Danika » gio 04/dic/2008 23:11:00

si ho fatto un viaggetto in America in Febbraio e quindi ne ho approfittato per fare e conoscere cose fuori della norma
Immagine

Immagine

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Messaggio da Claudio-Olyandra » gio 04/dic/2008 23:35:00

Kooma ti ha già fornito un parere prezioso: il totem, per chi crede nella sua esistenza, è un'entità estranea all'uomo, che funge da protezione per lui, mantenendo però, in ogni caso, una piena autonomia ontologica; il daimon, invece, è una parte di te, un fulcro spirituale intorno al quale ruota la consapevolezza di te medesimo. Egli (e non esso), per essere più precisi, è la tua anima, quella componente dell'essere umano che lo rende autocosciente, anche se in verità qualcuno obietta che, visto e considerato che ciascuno può dialogare col proprio daimon, egli deve rappresentare solo una parte dell'anima, altrimenti non risulterebbe spiegata la polarità dialettica che consente di parlarci. Detto così sembra un qualcosa di complesso, ma se ti chiudi in una stanza al buio e metti da canto le tue apprensioni e distrazioni, ti concentri su te stesso e ti rivolgi una comunissima domanda, o anche un mero saluto, riuscirai a percepire una specie di voce interiore, di qualità diversa rispetto al tuo pensiero, come se provenisse da un'altra "bocca". Ecco, quella è la voce del tuo daimon, e una volta presa dimestichezza col dialogo, potrai conoscerti più a fondo di quanto non abbia mai fatto, poiché luii (l'uso della doppia vocale finale serve a distinguere soggetti daimon da soggetti umani) ha accesso al lato inconscio della tua psiche, se non ne è addirittura parte. :wink: L'unico errore da non commettere è quello di identificare il daimon con una sorta di creatura sovrannaturale che ti guida, giacché egli è coessenziale con te e conosce esattamente quello che tu conosci, sebbene in forma più autentica, spoglia di quei condizionamenti culturali o d'altro tipo che sovente deformano la percezione di noi stessi e dei nostri difetti. :D
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Andrea & Danika
Daemian
Messaggi: 247
Iscritto il: gio 04/dic/2008 21:28:00
Località: Oriago (Ve)
Età: 40

Messaggio da Andrea & Danika » gio 04/dic/2008 23:38:00

:shock: Esauriente come una enciclopedia...
Immagine

Immagine

Rispondi