[ Svago ] Una domanda per te!

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 31

Messaggio da Claudio-Olyandra » dom 30/mar/2008 22:18:00

Il mio principio è: si perdona anche un omicidio se c'è vero pentimento e non si perdona neppure una vigorosa pacca sulle spalle se l'autore persiste nella malignità dell'intento. Poi siamo tutti d'accordo che perdonare un assassino non è facile.

Preferite potere e solitudine o parità e compagnia?
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

tasso85

Messaggio da tasso85 » dom 30/mar/2008 22:18:00

dipende dal tipo di potere... a volte, meglio soli che male accompagnati :D

ma al momento non ho altre domande da farvi...

Aeris

Messaggio da Aeris » mar 01/apr/2008 15:44:00

Se parità significa.. essere benestanti.. preferisco questo.. se no, concordo perfettamente con Tasso :) !


Preferite essere obesi o anorestici??

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 01/apr/2008 16:38:00

oddio! io sono già obeso (beh, forse obeso no, ma sovrappeso sì)... però se dovessi scegliere, penso preferirei essere come sono, piuttosto che magrissimo...

se vi venisse offerta la possibilità di fare un dono all'intera umanità, cosa regalereste?

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 31

Messaggio da Claudio-Olyandra » mar 01/apr/2008 17:22:00

Claudio-Olyandra ha scritto:Preferite potere e solitudine o parità e compagnia?
Riformulo la domanda. Preferite essere dittatori (nel significato latino di "titolare di poteri assoluti", non di "despota" o di "tiranno") ma vivere in solitudine o vi accontentate di essere privati cittadini ma con tanti amici accanto?
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Aivan e Calista
Daemian
Messaggi: 766
Iscritto il: ven 28/dic/2007 19:09:00
Località: Provincia Venezia
Età: 28

Messaggio da Aivan e Calista » mar 01/apr/2008 18:47:00

Assolutamente la seconda, persone semplici ma con molti amici.

Io ripropongo la domanda di tasso:
se vi venisse offerta la possibilità di fare un dono all'intera umanità, cosa regalereste?

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 01/apr/2008 22:01:00

io vorrei regalare all'uomo una sola cosa: pace... non pace intesa come assenza di guerra, ma pace vera, la pace dello spirito, grazie alla quale si può giungere alla vera felicità...

ma se per fare questo dono dovessi sacrificare te stesso, lo faresti comunque?

Avatar utente
Eladar
Daemian
Messaggi: 417
Iscritto il: lun 17/dic/2007 15:02:00
Età: 29

Messaggio da Eladar » mar 01/apr/2008 22:10:00

credo di si... in fondo con un gesto simile puoi realmente vivere in eterno ^^


.... la domanda
ah giusto.... ehm... non me ne viene nessuna :oops:

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 31

Messaggio da Claudio-Olyandra » mar 01/apr/2008 23:01:00

Questo è un quesito bastardo, ve lo preannuncio, ma non è mio: l'ha scritto un tizio studioso di etica. Allora, ci sono dieci persone innocenti destinate ad essere fucilate INGIUSTAMENTE, ma se voi accettate di ucciderne una personalmente (invece di farlo fare al comandante), il comandante libererà le altre. Cosa fareste? Preferireste non essere coinvolti nella distruzione di una vita umana, lasciando però morire tutti quanti, o fareste un calcolo matematico per cui un morto, anche se per causa vostra, è meglio di dieci?

Rispondete in parecchi: non è un quesito liquidabile con una sola risposta.
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 25

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 01/apr/2008 23:05:00

Dipende dalla gente. Se tra di essi c'è gente innocente ma che mi ha x esempio insultata o ferita profondamente, ucciderei io 1 persona xò se devo dire la verità nn avrei il coraggio d farlo e lascerei il ttt al comandante...
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Rispondi