Meg, prologo + capitolo 1

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » sab 23/feb/2008 15:04:00

Lo posto appena m viene l'ispirazione hehehe!!!!!!
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Avatar utente
Luke e Kyriax
Amministratore
Messaggi: 3712
Iscritto il: dom 20/gen/2008 12:57:00
GPC: 19 gen 2008
Località: Torino, Genova
Età: 26

Messaggio da Luke e Kyriax » sab 23/feb/2008 18:01:00

Cmq è inutile, Kyr nn ammetterà mai d fare storie :mrgreen:
No, mai :)
Ecco, visto?cmq scritto un prologo, anke se nn può certo comparare con altri racconti qui ^^
INTP - 9w1 - Raverin
(mi hanno detto così; però francamente non ne ho idea)

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » lun 25/feb/2008 20:12:00

Questa è la fine del capitolo 1; è un po poco ma posterò il capitolo 2 al più presto anche se dovrete aspettare un po xke lo posterò ttt intero e nn credo ke sarà tanto corto.....forse lungo cm ttt il capitolo 1 che xò ho diviso....bah smetto di chiacchierare e vi lascio al racconto:

Spesso il padre di Jack evitava quell?argomento, anche se Shanter si aggirava vicino alla loro casa troppo spesso??ora lui aveva l?opportunità di scoprire qualcosa di più su di lui e la voglia di parlargli si fece più forte quando notò il tatuaggio che aveva impresso sulla spalla: c?era una strada che dava sul mare dalle acque increspate??era come un marchio; era il marchio del medaglione di sua madre.
La mente di Jack cominciò a correre troppo velocemente perché Jack potesse notare che Shanter si avvicinava a lui sempre di più?
? Se io gli parlassi??lui potrebbe dirmi qualcosa di più sul medaglione di mia madre?..è di sicuro lui che glielo ha venduto?quello deve essere il suo marchio?..ho deciso: gli devo parlare o non troverò mai mia madre!? pensò Jack mentre Shanter si avvicinava inesorabilmente.
?Meg, seguimi!? disse frettoloso alla ragazza; ?ma cosa?..? gli rispose Meg, confusa e disorientata. ? Devo parlare a quel mercante, quello che guarda verso di noi; sono sicuro che mi aiuterà nel mio scopo?.
A quel punto la rabbia di Meg esplose. A lei non importava di Shanter né di ogni altro individuo là vicino. Le importava di trovare il killer e far capire alla popolazione che lei non era l?assassina; e ora quel ragazzo spuntato dal nulla le imponeva qualcosa di cui non sapeva nemmeno lo scopo. Lei aveva detto a Jack il motivo della sua visita a Midfield, ma lui no e questo suo comportamento improvviso la fece totalmente impazzire.
Gli disse ciò che pensava e ciò che credeva nel profondo del suo cuore ma pretese spiegazioni. Jack sospirò e cominciò a raccontare la sua storia, il motivo del suo viaggio e quello della sua improvvisa decisione.
A quel punto Meg si rese conto di essere stata troppo impulsiva e accettò di parlare con Shanter, curiosa di sapere di più su tutta quella storia.

Cm vi pare?
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 24
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » lun 25/feb/2008 20:22:00

Stupendissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!Brava!!!! aspetto al + presto l'altro capitolo!!! :D

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 24
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » mar 26/feb/2008 14:43:00

A quando il seguito? :wink:

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 26/feb/2008 14:51:00

Ah nn lo so lo devo ancora scrivere xò le idee ce le ho e poi dato che ho salvato il racconto in word e ho fatto 3 pagine e mezzo pensavo di farne altre 2 e mezzo/3 x il capitolo 2 che si prospetta moooooooooolto lungo e pieno di fatti......qnd nn ti so dire cmq in qst periodo ho un bel po di tempo x scrivere (almeno 1 cosa buona!)....
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Avatar utente
Luke e Kyriax
Amministratore
Messaggi: 3712
Iscritto il: dom 20/gen/2008 12:57:00
GPC: 19 gen 2008
Località: Torino, Genova
Età: 26

Messaggio da Luke e Kyriax » mar 26/feb/2008 14:58:00

Beata te...io nn ne ho quasi nnt...
INTP - 9w1 - Raverin
(mi hanno detto così; però francamente non ne ho idea)

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 26/feb/2008 22:15:00

Ecco parte del cpitolo 2; volevo postarvelo ttt appena finito ma nn ho resistito alla tentzione hehe direi ke è circa metà del cpitolo 2 forse un po di + ma nn direi cmq eccolo:

Capitolo 2

Jack si avvicinò al mercante guardandolo negli occhi senza lasciar apparire il minimo segno di paura e quando gli fu vicino notò come quell?uomo sapesse modificare le sue emozioni: Jack sapeva che Shanter era turbato, anche se non capiva come facesse a percepirlo, ma nel suo sguardo truce vedeva solo occhi neri che lo scrutavano e nel suo volto che, a quanto percepiva in una maniera a lui sconosciuta Jack, avrebbe dovuto essere pieno di apprensione e turbamento, si notavano solo diverse cicatrici che sfiguravano il volto del mercante col quale i due ragazzi si apprestavano a parlare.
Notando lo sguardo di Jack, Meg prese l?iniziativa e cominciò a parlare:
? Mi scusi signore?..messer Shanter?.? disse un po? titubante ?mi scusi?.io e il mio amico vorremmo parlare con lei se non la disturbiamo troppo?.? ; esitando riprese a chiamare il mercante fino a quando lui si girò a guardarla. Shanter trattenne le risate a stento: credeva di trovarsi davanti una persona importante che poteva permettersi di disturbarlo, invece una ragazzina impertinente lo fissava con uno sguardo leggermente timoroso; tuttavia il mercante le rispose per non sembrare sgarbato, deciso a tagliare di netto la conversazione pochi minuti dopo.
? Due ragazzi che chiedono di poter parlare con un rinomato mercante? Non mi pare la richiesta più accessibile che mi è stata mai fatta ma acconsento. Volete un?informazione per caso??; a quel punto rispose Jack, certo di saper gestire quella conversazione. ? In un certo senso sì, è un?informazione che vogliamo, ma riguarda una conversazione troppo lunga da effettuare qui in piazza, se non vi è di troppo disturbo io e la mia amica gradiremmo essere accolti in un luogo riparato dove parlare. Ah dimenticavo.: è abbastanza strano che questa richiesta le venga fatta da due ragazzini ma per caso le ricorda qualcosa il nome Rosaline Tailor??.
A quel nome il mercante rabbrividì. Non aveva intenzione di accogliere la richiesta dei ragazzini ma qualcosa gli fece cambiare idea.
? Bè, se si tratta di una richiesta riguardante un?ottima cliente, venite domani a quest?ora in questo posto e vi condurrò dove potremo parlarne?.
Detto questo Shanter si allontanò suscitando lo stupore di Meg e Jack, i quali, sempre più disorientati, erano troppo presi da un nuovo problema per pensare alle parole del mercante: dove avrebbero passato la notte non avendo soldi?

Poche ore dopo Meg era bagnata fradicia e se non ci fosse stata una grotta nella foresta lei e Jack avrebbero passato la notte sotto la pioggia e probabilmente non avrebbero dormito e sarebbero così stati incapaci di sostenere la conversazione con Shanter il giorno dopo. Ma non fu così. Trovarono riparo appena fuori da Midfield, in una grotta al margine della foresta che abbandonarono di buon mattino per visitare la città e in seguito presentarsi all?appuntamento con il mercante.
Così, quando arrivò l?ora stabilita, andarono nella piazza principale di Midfield, dove trovarono Shanter ad aspettarli; vennero condotti in una casa molto vicina a quella piazza nella quale entrarono dopo pochi istanti. Sembrava abbandonata: era ricoperta di polvere, le ragnatele si notavano ovunque e i pochi mobili presenti erano un tavolino traballante e tre sedioline; tutto ciò sembrò assurdo a Meg, ma quell?uomo la incuriosiva e non intendeva andarsene proprio in quel momento.
? Molto bene, parlatemi di Rosaline Tailor e della vostra richiesta ma state attenti: se mi accorgo che mi state prendendo in giro non ve la farò passare liscia? cominciò Shanter suscitando vari timori da parte di Meg, che non voleva proprio altre persone misteriose a darle del filo da torcere. Jack rispose al mercante e narrò una buona parte di tutto ciò che conosceva; evitò di approfondire sui suoi sentimenti riguardanti la madre ed omise le critiche del padre riguardanti Shanter stesso; poi chiese notizie o informazioni su Rosaline e sul medaglione; infine concluse il suo discorso ed attese una risposta, inconsapevole che ciò che stava per sentire avrebbe influenzato molte sue future decisioni????..

Cm vi pare?
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 24
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » mar 26/feb/2008 22:18:00

Lo sai già cm mi pare...meravigliosissimo!!!!!!!!!!!
Che italiano perfetto...
umpf...

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 26/feb/2008 22:19:00

che andiamo molto bene :D

ma non ho capito una cosa, in che tipo di ambientazione sono? intendo dire, anno "relativo", livello di tecnologia, ecc...

Rispondi