È il daimon che parla o sono io che mi rispondo da sola?

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 24
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » gio 07/feb/2008 14:13:00

Oh anche tu avevi più o meno lo stesso quesito?Pensavo di essere l'unica!Comunque adesso lo sapete che sono una femmina perciò non credo che vi sbaglierete ancora...almeno spero! :shock:

tasso85

Messaggio da tasso85 » gio 07/feb/2008 14:18:00

credo che molti qui si siano posti la tua stessa domanda... molto probabilmente la risposta sarebbe "non importa" nel senso che dopotutto parlare con sè stessi e parlare con il proprio daemon è la stessa cosa, ergo la domanda non ha ragione di esistere

Lux
Ex Amministratore
Messaggi: 467
Iscritto il: mer 15/feb/2006 16:54:00
Età: 31
Contatta:

Messaggio da Lux » gio 07/feb/2008 14:49:00

Direi che tasso ha già risposto alla perfezione. Io avevo molti di questi dubbi all'inizio, ma è solo quando ho detto "e chi se ne importa" che ho fatto veri progressi nella comunicazione e Saphi ha incominciato ad esprimersi con la propria voce e per conto proprio. :wink:

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 24
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » gio 07/feb/2008 15:18:00

Grazie a tutti per i vostri consigli ! :P :D
Spero anch'io di fare progressi!

Avatar utente
Aivan e Calista
Daemian
Messaggi: 766
Iscritto il: ven 28/dic/2007 19:09:00
Località: Provincia Venezia
Età: 28

Messaggio da Aivan e Calista » gio 07/feb/2008 15:39:00

Eheh... allora ci siamo passati tutti, compresi noi xD
Pazzo... mmm, Cal mi suggerisci una risposta? Ma piano così faccio bella figura io xD
Definizione per pazzo? Tu.
-.-"

tasso85

Messaggio da tasso85 » gio 07/feb/2008 16:35:00

complimenti a Cal per la CALzante definizione di pazzo!!! *corre a sotterrarsi per la battutaccia di infimo livello*

abraxas

Messaggio da abraxas » gio 07/feb/2008 16:41:00

:shock:

tasso85

Messaggio da tasso85 » gio 07/feb/2008 16:49:00

eheh... mi è venuta in mente così dal nulla... EHI!!! Kasy, ne sai niente tu, vero???

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Messaggio da Claudio-Olyandra » ven 08/feb/2008 23:20:00

Il pazzo è colui che ha perso la capacità di discernere, distinguere, separare. La pazzia "esteriore" si fonda sulla fusione caotica di realtà e finzione nella mente dell'alienato (come chi crede di essere Napoleone, perdendo di vista i dati storici e cronologici); mentre la pazzia "interiore" presuppone la perdita dell'autodeterminazione, ossia l'impossibilità di avere coscienza della propria personalità e di agire consequenzialmente (come lo schizofrenico). MA COME FAI A SAPERE QUESTE COSE? Uso il cervello ed un processo induttivo. TRADOTTO IN PAROLE POVERE? Parto dal particolare, dagli esempi di pazzia, e tento di risalire ad una definizione generale che li accomuni. Evidentemente potrei dire fandonie perché non ho compiuto studi in proposito... Posso però dire con assoluta convinzione che la persona eccentrica (chi adotta comportamenti difformi da quelli condivisi dalla massa) non è pazzo per niente: semmai è una persona speciale che non gradisce essere asservito agli schemi nei quali taluni incasellano ogni aspetto della propria vita perché insicuri, semmai è un coraggioso che sa andare controcorrente e snocciolare il valsente per averlo fatto, semmai è una persona vera (poiché per definizione ogni essere umano è UNICO, perciò chi tenta di somigliare agli altri per forza non fa che negare la propria umanità e cercare di essere un manufatto industriale prodotto in serie). Naturalmente tutti agognano di essere benaccetti agli altri, ma se per essere benaccetti occorre violentare il proprio carattere, meglio la solitudine.

INSOMMA, MEGLIO VIVERE COME TE... Cosa te ne fai dell'armonia esteriore e di facciata, dell'accordo ipocrita cogli altri, se poi sei lacerato da dissidi interiori? SAGGIA OSSERVAZIONE, MA LA SAGGEZZA è IL RECIPROCO DELLA FELICITà! In un ambiente materialista e superficiale senz'altro, ma in un mondo SANO le due cose sono unite quanto io lo sono a te. BAGGIANATE: NIENTE è UNITO A NIENTE PIù DI QUANTO IO LO SIA A TE, CLAUDIO. Se tu fossi corporea ti stringerei al petto fino a farti sprofondare nella gabbia toracica. Sentire queste tue parole mi rende felicissimo. QUESTO è ESATTAMENTE LO SCOPO DI UN DAIMON, RENDERE AMABILE LA VITA AL PROPRIO UMANO...
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

tasso85

Messaggio da tasso85 » sab 09/feb/2008 09:47:00

beh, direi che la tua definizione calza bene...

ma, c'è un ma: hai ricominciato a scrivere tutto attaccato :D lo so, non c'entra un accidente con la definizione, ma volevo fartelo notare...

Rispondi