Qom e la oxford di lyra

tasso85

Messaggio da tasso85 » lun 18/feb/2008 15:19:00

riporto in auge questo bellissimo 3ad per inserirvi qualche discussione sul mondo di Lyra, senza dover star lì ad aprire altri 3ad...

il primo spunto di riflessione che vi propongo è il seguente:

Il Grande Tabù: valore assoluto, o che ammette eccezioni?

mi riferisco ovviamente alla proibizione, per una persona, di toccare il daemon di un'altra persona in qualunque circostanza... ora, io detesto gli assoluti, quindi vi chiedo se anche secondo voi non sia una norma da prendere un po', come si suol dire, "con le pinze", cioè qualcosa che generalmente vale sempre ma che ammette rare eccezioni...

anche la nostra vita reale è governata da molte regole sociali che non andrebbero mai infrante, ma per cui si riconoscono delle eccezioni... ora, toccare il daemon di una persona è sicuramente qualcosa DI PIU' che stringerle la mano (alla persona, non al daemon :D), un contatto intimo come difficilmente possono essercene altri... ma è davvero inaccettabile sempre e comunque?

vi voglio fare un esempio di cosa intendo, due casi, nel primo dei quali la violazione della norma è accettabile, nel secondo la trovo addirittura giusta...

1) un bambino tocca il daemon del proprio padre o della propria madre... è davvero così inaccettabile?

2) proprio ieri sera, mi sono fermato a leggere poco dopo la morte del povero Tony... e ricorderete anche voi come viene descritto che lo stesso Pantalaimon si struggeva per quel povero ragazzo e desiderasse dargli conforto... ora vi chiedo, sarebbe stato così grave se lo avesse fatto? io personalmente temo che se fossi stato in Lyra avrei mandato al diavolo il tabù per il semplice fatto che ne valeva decisamente la pena...

in ogni caso sono curioso di sentire cosa ne pensate voi tutti...

ora passiamo al secondo spunto di riflessione, strettamente legato al mio secondo esempio di poco sopra...

L'Intercisione

una sola parola che sta a significare un'immenso dolore... ieri dopo essere giunto al punto della morte di Tony mi sono dovuto fermare, ho DOVUTO chiudere il libro per rifletterci su, per assimilare questo terribile concetto... maledizione, me lo sono persino sognato...

più ci penso, più mi accorgo che è il concetto più malvagio con cui io mi sia mai confrontato finora... nei tanti libri che ho letto si trova di tutto, dalla persona condannata a vivere in eterno ed a risorgere dolorosamente ogni volta che cerca la morte, a personaggi la cui anima viene strappata dal corpo (non è la stessa cosa di un'intercisione, come vedrete presto), torture ed atti orribili... ma niente di paragonabile a questo...

perchè l'intercisione non è "solo" la separazione dell'anima dal corpo... se fosse così semplice il corpo morirebbe e basta e l'anima, ovunque fosse, continuerebbe ad esistere... no, è molto peggio, l'anima non viene separata, o comunque portata via, ma letteralmente strappata in due parti, una delle quali (la semplice scintilla vitale che garantisce la vita) rimane nel corpo, mentre l'altra (la tua gioia di vivere, la tua RAGIONE di vita, il vero motore della tua esistenza) ti viene portata via per sempre...

e cosa mai si può trovare di buono in questo, da qualunque punto di vista lo si guardi? NULLA. non è come tante altre cose all'apparenza malvagie ma che se viste nell'ottica giusta ci si può trovare, eventualmente, qualcosa di positivo (ad esempio, mi viene in mente la morte...)... qui non c'è NULLA di positivo, solo un'attonito sensazione di orrore e di impotenza...

e mi domando se Pullman fosse cosciente dell'abominio che aveva appena inventato...

quello che però vorrei chiedere a voi è qualcosa di più, come dire, "terra terra"...

1) secondo voi l'intercisione è reversibile?

la mia opinione (premettendo che appunto ho letto solo la metà del primo libro, quindi non so se altrove nei libri si trovi risposta) è che è effettivamente reversibile, a due condizioni: uno, disporre di una adeguata quantità di Polvere per ripristinare il legame, due, disporre di una enorme quantità di energia. quest'ultima condizione la ricavo dal fatto che se l'intercisione genera energia, allora il procedimento inverso deve per forza richiederne...

2) quale sarebbe secondo voi la pena adeguata per gli ingoiatori?

in un qualche altro 3ad (che al momento non mi sovviene) io avevo proposto l'intercisione stessa, anche se claudio mi aveva fatto notare che la vendetta corrompe l'anima... occhio per occhio, ed il mondo diventa cieco, diceva Ghandi (se non ricordo male)... quindi voi cosa direste?

Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 28

Messaggio da Saphiry e Deianira » lun 18/feb/2008 20:34:00

Ehm...quanto al toccare il daimon degli altri...magari sarò un po' ...(nonmivienelaparola XD) però io sono del parere che non si debba affatto toccare il daimon di altri...io non vorrei mai,nemmeno se fosse mia madre a carezzare Phoen...per l'intercisione...non credo che possa essere reversibile...non vedo un modo per ricongiungere il daimon (ma io sono un po' catastrofista...) la pena? essendo la sottoscritta molto vendicativa,gli farei patire le stesse cose che hanno fatto patire agli altri!
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

Avatar utente
Bec *bory*
Daemian
Messaggi: 1154
Iscritto il: sab 26/gen/2008 14:57:00
Età: 25
Contatta:

Messaggio da Bec *bory* » lun 18/feb/2008 21:04:00

Anch'io sono d'accordo con Saphiry...mi darebbe fastidio,se qualcuno toccasse Bory,sarebbe come violare una parte di me...e poi il daimon non è mica un animaletto,che tutti possono toccare e coccolare! :D

La pena?Come dice Saphiry,fargli patire le sofferenze che hanno dato agli altri.

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 19/feb/2008 09:52:00

Bec *bory* ha scritto:Anch'io sono d'accordo con Saphiry...mi darebbe fastidio,se qualcuno toccasse Bory,sarebbe come violare una parte di me...e poi il daimon non è mica un animaletto,che tutti possono toccare e coccolare! :D
permettimi un chiarimento: MAI senza il tuo permesso (ed il suo), e MAI come contatto casuale, ma come contatto con un profondo legame emotivo-affettivo tra le due persone (ad esempio, persone che si amano profondamente, per fare un altro esempio)...

perchè, così come se qualcuno prendesse e toccasse il tuo daemon con intenzioni ostili tu ne soffriresti enormemente (basta vedere cosa è successo a Lyra quanto le hanno preso Pan), io credo che un contatto d'amore potrebbe portare con sè una forte carica di emozioni e sensazioni positive... lasciare che un persona tocchi la tua anima sarebbe il supremo atto d'amore immaginabile...

e questo può senza dubbio spaventare, ma è quel genere di paura che accompagna sempre le nuove esperienze, che le avvolge in un alone di mistero, come l'amore stesso... la prima volta che si scopre il vero amore, io credo che tutti noi siamo un po' spaventati, perchè con esso noi mettiamo in gioco tutto di noi, il nostro cuore e la nostra stessa anima...
La pena?Come dice Saphiry,fargli patire le sofferenze che hanno dato agli altri.
allora non sono l'unico fan dell'"occhio per occhio" :D ma io ne ho pensata una addirittura peggiore...

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 19/feb/2008 14:43:00

Anche io sn d'accordo cn ttt quello ke è stato scritto in precedenza ma ora m hai fatto venire la curiosità.....quale sarebbe la pena peggiore?
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 19/feb/2008 14:56:00

Anche io sn d'accordo cn ttt quello ke è stato scritto in precedenza
eheh, a quanto pare la mia idea non riscuote consensi :D vabbè, è giusto che ciascuno abbia le proprie opinioni, dopotutto...
ma ora m hai fatto venire la curiosità.....quale sarebbe la pena peggiore?
oh, niente di particolare, solo qualche tortura tramite il loro daemon, per poi ucciderlo davanti ai loro occhi, trovando il modo di lasciare in vita la persona, ovviamente, sennò non ci sarebbe gusto, in modo che loro possano giungere a provare un livello di dolore sia fisico sia emotivo anche superiore a quello provocato dall'intercisione stessa :evil:

lo so, sono crudele, ma io uso il criterio di quella che chiamo "super-proporzionalità": se fai qualcosa di sbagliato, la punizione sarà peggiore di ciò che tu hai fatto...

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 19/feb/2008 15:11:00

[/quote]

oh, niente di particolare, solo qualche tortura tramite il loro daemon, per poi ucciderlo davanti ai loro occhi, trovando il modo di lasciare in vita la persona, ovviamente, sennò non ci sarebbe gusto, in modo che loro possano giungere a provare un livello di dolore sia fisico sia emotivo anche superiore a quello provocato dall'intercisione stessa :evil:

lo so, sono crudele, ma io uso il criterio di quella che chiamo "super-proporzionalità": se fai qualcosa di sbagliato, la punizione sarà peggiore di ciò che tu hai fatto...[/quote]
Cioe quindi in base alla super- proporzionalità se x esempio qualcuno ti ruba un cd tu gliene rubi 2 e gli sbatti in testa il tuo? Oppure metti che uno tocca il tuo daimon tu il suo glielo strangoli direttamente? E se x caso una persona ti insulta tu insulti lui, la suaa famiglia e il suo daimon molto + gravemente e poi x divertirti cerchi una legge secondo la quale il tizio ke ti ha insultato merita di finire in prigione x tanti anni quanti sono gli insulti ke ti ha riferito?
Wow....una mente da serial killer...... eh gia...sn sconvolto...
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 19/feb/2008 15:21:00

lyra 95 mitic ha scritto: Cioe quindi in base alla super- proporzionalità se x esempio qualcuno ti ruba un cd tu gliene rubi 2 e gli sbatti in testa il tuo? Oppure metti che uno tocca il tuo daimon tu il suo glielo strangoli direttamente? E se x caso una persona ti insulta tu insulti lui, la suaa famiglia e il suo daimon molto + gravemente e poi x divertirti cerchi una legge secondo la quale il tizio ke ti ha insultato merita di finire in prigione x tanti anni quanti sono gli insulti ke ti ha riferito?
Wow....una mente da serial killer...... eh gia...sn sconvolto...
alt! un momento: io applico questo mio ragionamento solo per cose veramente gravi, dall'omicidio in su... e dal mio punto di vista, praticare l'intercisione ad una persona è mooolto peggio di un omicidio...

io difficilmente do seconde chance... ad un omicida io darei come minimo il carcere a vita ai lavori forzati, e questo solo perchè in Italia non c'è la pena di morte...

i diritti che noi attribuiamo a noi stessi, il diritto alla vita, alla felicità, ecc... devono essere guadagnati, meritati, non sono un dono di natura... e per meritarseli non è poi così difficile: basta rispettare i diritti altrui. ma chi uccide infrange il diritto alla vita di un'altra persona, e quindi dal mio punto di vista perde il suo diritto alla vita...

questo principio esiste da sempre, occhio per occhio dente per dente, si diceva una volta... ma riconosco che ci sono casi in cui questo principio non trova applicazione, bisogna fare attenzione a valutare caso per caso...

Lord Asriel uccise un uomo e per questo fu spogliato da ogni sua proprietà... se avessi potuto fare a modo mio, lui sarebbe risultato innocente, lui stava difendendo la sua famiglia e ne aveva pieno diritto... questo esempio per dire che il principio di cui sopra non va applicato ciecamente, bisogna valutare tutte le circostanze...

ma nel caso del Magisterium, o meglio, dell'Intendenza Generale per l'Oblazione, non ci sono circostanze attenuanti, ed io attribuisco loro il massimo della pena che sono in grado di concepire...

Avatar utente
Fede e Pyrrheus
Daemian
Messaggi: 1107
Iscritto il: gio 24/gen/2008 21:14:00
Località: Milano.
Età: 26

Messaggio da Fede e Pyrrheus » mar 19/feb/2008 15:24:00

Ah ok....capito ttt xò la cosa del toccare il daimon è grave quindi si potrebbe fare qllo k avevo descritto.....cmq poi è questione d punti di vista ovvio......
For a long time I was afraid to be who I am, because I was taught by my parents there’s something wrong with someone like me.
Something offensive, something you would avoid - maybe even pity. Something that you would never love.
[...] I was afraid of this parade because I wanted so badly to be a part of it.
So today I’m marching for that part of me that was much too afraid to march. And for all the people who can’t march. The people living lives like I did. Today I march to remember that I’m not just a me. I’m also a we.
And we march with pride.

-- Nomi Marks [about Gay Pride], Sense8

tasso85

Messaggio da tasso85 » mar 19/feb/2008 15:29:00

lyra 95 mitic ha scritto:Ah ok....capito ttt xò la cosa del toccare il daimon è grave quindi si potrebbe fare qllo k avevo descritto.....cmq poi è questione d punti di vista ovvio......
come molte cose, sono gravi se fatte con le intenzioni sbagliate, almeno questo è ciò che penso...

toccare il daemon di qualcuno in maniera casuale e senza il suo permesso (della persona E del daemon), come fosse solo un qualche animaletto da compagnia, o peggio, con l'intenzione di fare del male, è grave, anzi di più, gravissimo e probabilmente imperdonabile...

ma se tu ed il tuo daemon accettate che una persona tocchi la tua anima, è perchè con quella persona hai un legame veramente profondo, come quell'amore delle favole, così forte da attraversare il tempo e sconfiggere anche la morte stessa, e sei disposta a dimostrarlo con questo atto così grande e grandioso da essere, nel complesso, quasi inconcepibile...

io stesso, al momento, non conosco nessuno a cui consentirei di toccare la mia Kasy, se fosse corporea, nemmeno i miei stessi genitori che mi hanno messo al mondo, che per quanto io possa amarli e loro amare me, non hanno diritto di toccare la mia anima... ma forse un giorno troverò qualcuno (o qualcuna) a cui potrei, in linea teorica, concedere questo grande onore... quel tipo di persona che incontri una volta nella vita se sei fortunato, e che non tornerà mai più se la lasci scappare...

o forse, sono solo troppo romantico...

Rispondi