L'amore e la nascita dei daimon

Meditiamo sugli aspetti filosofici e formuliamo ipotesi ragionevoli sul Daimonismo!
Avatar utente
Anny♥Shakri
Daemian
Messaggi: 442
Iscritto il: sab 04/apr/2009 13:21:00
GPC: 31 dic 2008
Località: Napoli Rara come Perla Nera...
Età: 29
Contatta:

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Anny♥Shakri » gio 08/apr/2010 14:08:40

claudio tu applicando la tesi "metafisica" non potresti che pensare così,
perchè nella concezione di anima si presuppone che essa nasca insieme con il feto
(lo so è detto in termini brutali ma è così),
mentre invece chi pensa che il daemon sia una parte della nostra mente inevitabilmente penserà
che questa parte si forma assieme con la crescita del bambino, che assumerà una certa autocoscienza con il tempo.

la tua tesi è però comunque interessante perchè evidenzia il fatto che anche se non se ne è coscienti si ha comunque un daemon
ed inizialmente anche io pensavo così, però ho maturato l'idea che in molti rifiutano quest'idea
e tendono a minimizzare sempre più questa parte etica fino a farla diventare nulla.
so che non è la stessa cosa in un bambino piccolo, però mi rendo conto che è una faccenda strettamente collegata:
rifiutando una parte di se stessi è un pò come annullarla, quindi non si può più dire se essa c'è o no in queste persone.
lo so, sto ragionando un pò troppo teoreticamente, però ritengo che sia molto importante.
e penso che chi rifiuta un qualcosa di così importante è perchè non è cosciente di cosa davvero è,
tutti questi ragionamenti mi portano a pensare che l'inconsapevolezza porta un "divino assente"
un qualcosa che ci può essere ma è momentaneamente (o perennemente, per gli sfortunati) assente.
in questo discorso, per me, rientrano anche i bambini, in un età particolarmente infantile.
il bambino come non ha l'idea di sè non ha nemmeno l'idea di anima, al di là del fatto che egli vi possa accedere o no.

ecco perchè penso che i discorsi siano entrambi validi, semplicemente partono da due presupposti molto diversi tra loro ;)
Immagine

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 31

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Claudio-Olyandra » gio 08/apr/2010 14:43:10

A mio avviso, rifiutare di prendere coscienza di qualcosa non significa annullarla, ma soltanto complicarsi la vita con inutili contorsionismi esistenziali: non credo che la realtà esista in funzione e nei limiti del suo riconoscimento da parte della mente, perciò concludo che il daimon esiste anche in chi ne ignora l'esistenza (o rifiuta di accettarla, il che è un controsenso, in quanto chi sente l'esigenza di autoconvincersi dell'inesistenza di qualcosa, evidentemente è esposto a prove contrarie che gli instillano un ragionevole dubbio, altrimenti neppure ci penserebbe). :)
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Anny♥Shakri
Daemian
Messaggi: 442
Iscritto il: sab 04/apr/2009 13:21:00
GPC: 31 dic 2008
Località: Napoli Rara come Perla Nera...
Età: 29
Contatta:

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Anny♥Shakri » ven 09/apr/2010 12:25:03

anche secondo me tutto questo serve soltanto a farsi complicazioni inutili ed immotivate
ciò non toglie però che in un discorso universalmente più valido ritengo che
la mente umana assimila la realtà in modo tale da renderla ciò che essa(la mente) vuole che sia, e non ciò che essa(la realtà) realmente è.
questo però è legato a delle mie teorie che non c'entrano una cippa con questo discorso e sarebbe troppo lungo
ma soprattutto OT parlare di queste teorie in questo topic/forum.
in parole poverissime tutto è interpretazione di tutto.
anche noi, in questo momento stiamo interpretando fenomeni dei quali ci sfugge il noumeno ;)
ragion per cui la pensiamo diversamente su questo tema :P
Immagine

Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 27

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Saphiry e Deianira » lun 12/mar/2012 16:38:30

Ok, qui si parla di amore e nascita dei daimon.
Sull'argomento "nascita" non ho nulla da dire, però, se non che concordo con Imma ed Eley0n.
Per quanto riguarda l'argomento ammmmmore... ieri sera ne parlavo un po' con Pho.
Scriverò esattamente ciò che mi ha detto, perchè non sono riuscita ad interpretarlo al 100%:

"Pho, ma tu riesci a vederla? Puoi vedere Kasy?"
"Non la vedo, ma la sento esattamente com'è. Ed è davvero bellissima."
"Non capisco. Non la vedi ma la percepisci? E vi toccate mai?"
"No, io la sento proprio, ed è come vederla. Facciamo un po' di 'coccole' di solito"
"Non parlate mai?"
"Non si può"
"Come no?"
"No, non parliamo."

Adesso stavamo ancora parlandone:
"Ma non la senti?"
"Non sento la sua voce e lei non sente la mia. Ma forse un giorno. Forse si potrà."
"E non ti dispiace?"
"Parliamo in altri modi. Con i nostri...beh...corpi, anche se non si possono chiamare così"
"Mi dispiace un po' per te, sai?"
"Non ti dispiacere, quello che devo sentire lo sento con te. Cioè, attraverso di te. No?"


...?
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

Avatar utente
-thias e emma-
Daemian
Messaggi: 244
Iscritto il: sab 25/feb/2012 21:07:34
GPC: 14 nov 2011
Forma: volpe artica
Età: 22

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da -thias e emma- » dom 18/mar/2012 11:27:21

Per la seconda domanda ti rispondo cosi:Io credo,che il daimon arrivi subito dopo la nascita,ma che non solo è incorporeo come quello di tutti noi,ma senza forma perche dai un bambino non può avere da appena nato un carattere,da poter definire la forma del suo daimon.
Per la prima domanda risponderò così:Io sono fidanzato con una daemian e il nostro è amore vero,non una cotta o un infatuazione e senza troppi indugi,ti faccio rispondere direttamente da Zandra: Beh,non si può certo dire,che io non provi nulla.... un pò più nello specifico no eh?Sono certo che hanno capito tutti,non ci vuole un genio,per capire sono solo rimasta sul vago.

Avatar utente
Cassandra e Sibilin
Daemian
Messaggi: 4459
Iscritto il: mer 17/dic/2008 16:05:00
GPC: 08 dic 2008
Forma: campo base
Località: Qui.
Età: 30

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Cassandra e Sibilin » dom 18/mar/2012 15:49:26

...ehi, ma io qui non ho mai più risposto! xD Comunque, sulla nascita del daimon non cambio idea, un neonato non ha un daimon ben formato, in quanto è psiche magmatica. Insomma, un neonato è la fase più vicina all'animale che siamo, e, francamente, in quel periodo siamo un gran bel casino mentale. Non credo che il daimon, com'è concepito, possa trovare spazio in una mente poco matura (come ho detto, nei primissimi mesi o settimane di vita persistono riflessi sottocorticali, ovvero reazioni primitive a stimoli ben definiti. Ad esempio, il movimento che fa il bambino di succhiare quando ha uno stimolo intorno alla bocca...quello è un riflesso primitivo) o in una psiche che è ancora totalmente influenzata e influenzabile dall'esterno. Quella che c'è è la possibilità di avere un daimon. Nel senso che il daimon si sviluppa con noi, c'è in potenza anche in una situazione assurda come quella di un neonato. E' solo che non c'è la forma che lo accolga, a quell'età siamo ancora lava che scorre. Tratteniamo informazioni dall'esterno però, e le rielaboriamo in un modo che influenzerà penso l'intera vita, quindi credo che il daimon, come "struttura" vera e propria si formi nel momento stesso in cui si forma il cervello, direi, poi comincia a maturare: da struttura semplice ed influenzabile, fino a quello che è in età più matura (e credo che, in un certo senso, la vera stabilizzazione sia quella, ovvero nella formazione di una caratteristica-daimon fissa, qualcosa di intrinseco, e non la forma). Quindi, da dove viene il daimon? Io direi dalla nostra stessa umanità, dal fatto che siamo esseri umani. Naturalmente, si prescinde il fatto che non sia sovrastruttura, quello è ovvio xD

Per quanto riguaarda l'amore credo che un daimon non possa venire coinvolto se non c'è comunicazione. Nel senso, una mera attrazione fisica potrebbe generare repulsione nel daimon, quando è vero innamoramento -che poi su di questo si potrebbe discutere millenni e millenni, su cosa è il vero amore, ma non è la sede adatta e io mi scoccio xD- allora ci può essere un coinvolgimento anche emotivo, e il daimon ne viene trascinato, anche se credo rimanga molto meno influenzato, e ci faccia vedere cose che non riusciamo o non vogliamo vedere, specialmente quando siamo cotti. Insomma, il daimon, come parte "più razionale" non ci casca mai del tutto. :lol:
Anche io sono fidanzata con un daemian (come se voi NON LO SAPESTE :lol:), e ammetto che Sibilin, pur nella sua razionalità, è coinvolta ad un livello profondo. Nonostante il suo modo di esprimere amore sia, da buona pasionaria, intinto abbondantemente nella possessione (:lol:), nonostante sappia benissimo pregi e difetti di ciascuno di noi, Sibilin ama. Assolutamente, completamente, profondamente.

Non ho la minima idea di cosa ho scritto. :lol:
I'll shake the ground with all my might
I will pull my whole heart up to the surface
For the innocent, for the vulnerable
I'll show up on the front lines with a purpose
And I'll give all I have, I'll give my blood, I'll give my sweat-
An ocean of tears will spill for what is broken
I'm shattered porcelain, glued back together again
Invincible like I've never been

Avatar utente
Anny♥Shakri
Daemian
Messaggi: 442
Iscritto il: sab 04/apr/2009 13:21:00
GPC: 31 dic 2008
Località: Napoli Rara come Perla Nera...
Età: 29
Contatta:

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Anny♥Shakri » dom 18/mar/2012 16:44:40

Tu non hai assolutamente idea di cosa hai scritto, ma io si, e lo adoro.
La parte sull'amore intendo. Se amiamo E' perchè IL DAEMON AMA.
Non esiste sentimento profondo che non sia legato al nostro modo di sentire, quindi alla nostra mente.
Se è vero che il binomio umano/daemon è inscindibile lo è anche nella misura in cui sentiamo, proviamo, quindi amiamo.
E' ovvio che AMIAMO UN'IDEA, mi sembra assurdo pretendere di conoscere talmente alla perfezione la mente altrui,
amiamo quindi la nostra idea di ciò che è l'altra persona, non per questo amiamo di meno, o in maniera finta.
E si, anche io potendo dire di essere innamorata di un daemian (sseeeh, non lo sa nessuno) affermo ciò.
Immagine

Avatar utente
Cassandra e Sibilin
Daemian
Messaggi: 4459
Iscritto il: mer 17/dic/2008 16:05:00
GPC: 08 dic 2008
Forma: campo base
Località: Qui.
Età: 30

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Cassandra e Sibilin » dom 18/mar/2012 18:57:34

Più che altro amiamo davvero QUANDO il daimon ama. Se non c'è comunicazione, condivisione, supporto, e tante altre cose, non cè amore. Quando il daimon, quando noi stessi non veniamo coinvolti fino al nostro più profondo cuore, allora non amiamo. Non possiamo amare, e non possiamo amare quando non accettiamo l'altro anche nei suoi difetti e nella sua completezza, nonostante le idee che ci siamo fatti.
I'll shake the ground with all my might
I will pull my whole heart up to the surface
For the innocent, for the vulnerable
I'll show up on the front lines with a purpose
And I'll give all I have, I'll give my blood, I'll give my sweat-
An ocean of tears will spill for what is broken
I'm shattered porcelain, glued back together again
Invincible like I've never been

Avatar utente
Saphiry e Deianira
Daemian
Messaggi: 5082
Iscritto il: lun 13/nov/2006 18:42:00
GPC: 15 nov 2006
Forma: Duck toller
Località: Un po' qui, un po' là
Età: 27

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Saphiry e Deianira » lun 19/mar/2012 12:56:01

Concordo, o comunque credo proprio che quando siamo innamorati noi, anche il nostro daimon lo è, e viceversa.

Inoltre credo che effettivamente non ci sia una netta distinzione tra amore del daimon e amore della persona. Cioè, A ama B e il daimon A ama il daimon B non è del tutto esatto. A ama B e il daimon B, mentre il daimon A ama il daimon B e B.
Perchè devi mettere le lettere? Non puoi scrivere più chiaramente?
Ma si capisce, Pho ù.ù
7w6, ESTP, Gryffindor, Chaotic Good, Outsider

We're just a step from fearless,
reach out for me, my dearest.
Don't you cry,
you don't know, you're almost near it


1w9, INTJ, Raverin, Neutral Good, A Good Dog
Mostra

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 31

Re: L'amore e la nascita dei daimon

Messaggio da Claudio-Olyandra » lun 19/mar/2012 22:10:05

Akita e Sibilin ha scritto:Più che altro amiamo davvero QUANDO il daimon ama. Se non c'è comunicazione, condivisione, supporto, e tante altre cose, non cè amore. Quando il daimon, quando noi stessi non veniamo coinvolti fino al nostro più profondo cuore, allora non amiamo. Non possiamo amare, e non possiamo amare quando non accettiamo l'altro anche nei suoi difetti e nella sua completezza, nonostante le idee che ci siamo fatti.
Il mio amore sa esattamente cosa penso e mi anticipa. :3 Sì, l'amore vero presuppone il coinvolgimento del daimon, altrimenti non sarebbe autentico. Non si può concepire un legame così totalizzante, così idilliaco, così intenso e sfavillante, senza l'elemento spirituale/caratteriale: non si ama il corpo dell'altra persona, ma l'intera essenza dell'altra persona, in qualunque modo si manifesti. Anzi, l'amore resterebbe invariato anche se, per accidente, il corpo dovesse subire danni permanenti, perché ha per oggetto l'identità esistenziale dell'altro soggetto, non la mera massa di tessuti con cui si appalesa al mondo. :D
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Rispondi