Morti e daimon

In questa sezione sono raccolti i frutti migliori della Comunità italiana del Daimonismo.
Avatar utente
Federica & Fendriyan
Daemian
Messaggi: 89
Iscritto il: lun 06/apr/2009 19:59:00
Località: ..? scontato dire 'nei miei sogni'? XD
Età: 28
Contatta:

Messaggio da Federica & Fendriyan » ven 20/nov/2009 21:00:00

Concordo in pieno con Emanuele. Tutti qui hanno detto che il fatto di piangere o meno dipende dall'attaccamento e dal rapporto che avevi con quella persona ma non credo sia esatto.
Quando è morta una signora che per me è stata quasi una nonna, anche se non la vedevo da molto tempo, quando mi hanno annunciato la sua morte ho sentito qualcosa spezzarmisi dentro. Piuttosto che piangere, però, ho avuto una reazione del tutto inversa. Mi veniva quasi da ridere, di un riso amaro però, come se non volessi credere alla sua scomparsa. Di certo ciò non significa fossi felice.
Non ho pianto quindi quando me lo hanno detto...probabilmente perchè ancora non avevo capito del tutto la situazione.
Ho pianto e piango ancora ora a distanza di pochi anni quando mi viene in mente la sua voce e il suo viso. Non la vedevo e non la sentivo da tantissimo tempo quando è morta, da un po' di anni. Però comunque nutro per lei un affetto fortissimo.
Se i miei morissero?...Forse non riuscirei a piangere subito. Semplicemente perchè non riuscirei ad accettare la notizia, mi sembrerebbe assurdo. Lo stesso vale per la morte ipotetica di un amico.

Avatar utente
Emanuele e Red
Daemian
Messaggi: 798
Iscritto il: gio 30/ott/2008 11:50:00
GPC: 27 ott 2008
Forma: Gatto Leopardo
Località: Napoli col cuore
Età: 28

Messaggio da Emanuele e Red » ven 20/nov/2009 23:42:00

Se invece morissero i miei io sono stra-sicuro che non piangerei, essendo il fratello maggiore dovrei dare appoggio a mia sorella, così come ho fatto per lo zio
Immagine
Mostra
Il mio daimon è lo Zar Red primo del suo nome Zar e protettore del cielo e dei sette mari

Fear is a Superpower [Cit.]

ENTP

Avatar utente
Sara - Tomas
Daemian
Messaggi: 1049
Iscritto il: mar 18/mar/2008 17:49:00
Località: Arcore
Età: 25

Re:

Messaggio da Sara - Tomas » sab 02/gen/2010 22:54:51

Eleyon ha scritto:Bhe io mi sono sempre rifiutata di vedere mia zia morta, io le persone le voglio ricordare per come erano in vita, comunque un morto è sicuramente più pallido di un dormiente e poi il fatto di averlo perso, se per te era una persona importante, ti fa soffrire per l'impossibilità di non poter più averlo vicino...
Anche io mi sono rifiutata.
Penso come parecchi di voi che piangere sia una cosa soggettiva.
Ognuno manifesta il dolore nel proprio modo.
Io l'ho manifestato piangendo,e ancora oggi al ricordo di mia zia ho le lacrime agli occhi.
Non ho mai pensato però al daimon di mia zia, nè se effettivamente è svanito nel momento in cui lei ha chiuso gli occhi.
Questo non lo sapremo mai,temo.
Però voglio rimanere con il dubbio e ricordo una notte in cui Tom mi disse che saremmo rimasti insieme per sempre,anche quando io avessi smesso di vivere,che non mi avrebbe mai lasciato.
Forse ci lasceremo davvero,ma non è bello pensarci.
(Se morissero i miei?! ..io preferisco non rispondere a questa domanda. Forse la morte è una delle poche cose che non riesco proprio ad accettare. Poi dipende anche ovviamente dal proprio attaccamento alle persone e al modo in cui si superano gli eventi).
Diciamo che credo che ci sia una differenza sostanziale da un morto e un dormiente.
Forse è vero che al momento può sembrare simile,ma non lo è..
Una persona che dorme lo fa e basta.. una persona morta è morta,si decompone, e non credo sia piacevole a vedersi.

Piuma Bianca

Re: Morti e daimon

Messaggio da Piuma Bianca » mar 05/gen/2010 15:50:08

Se i miei morissero non piangerei, forse dopo qualche giorno.. Soprattutto perchè a livello intellettivo non riuscirei nemmeno a pensare che sono morti. Non dico che non ci crederei, ma più che altro percepirei ancora la loro presenza.

Avatar utente
Emanuele e Red
Daemian
Messaggi: 798
Iscritto il: gio 30/ott/2008 11:50:00
GPC: 27 ott 2008
Forma: Gatto Leopardo
Località: Napoli col cuore
Età: 28

Re: Morti e daimon

Messaggio da Emanuele e Red » mar 05/gen/2010 15:51:11

Io non piangerei PUNTO, non sono in grado di esprimere emozioni così forti tranne la rabbia
Immagine
Mostra
Il mio daimon è lo Zar Red primo del suo nome Zar e protettore del cielo e dei sette mari

Fear is a Superpower [Cit.]

ENTP

Avatar utente
Anny♥Shakri
Daemian
Messaggi: 442
Iscritto il: sab 04/apr/2009 13:21:00
GPC: 31 dic 2008
Località: Napoli Rara come Perla Nera...
Età: 30
Contatta:

Messaggio da Anny♥Shakri » sab 09/gen/2010 18:02:57

la mancanza di una persona morta, secondo me, la si sente solo dopo un pò di tempo che quella persona non c'è più.
non capisci realmente all'inizio cosa sia, ma senti un forte vuoto dentro.
piangere o meno è relativo di persona in persona, spesso chi non piange cela molto più dolore represso
di chi si sfoga piangendo.
Immagine

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Re: Morti e daimon

Messaggio da Claudio-Olyandra » lun 11/gen/2010 18:48:54

La persona morta è definitivamente spenta: di essa restano solo le vestigia materiali, un coacervo di tessuti connessi, ma il soffio vitale, che rendeva quella persona unica, oltre che capace di relazionarsi con noi, è scomparso. Che il soffio vitale sia proprio il daimon? Forse non percepiamo più l'umanità in quell'essere inerte, perché l'anima, privata dei suoi ferri del mestiere, è andata altrove. Una spiegazione plausibile, direi, ma, ripeto, non occorre la morte perché questo avvenga: un distacco improvviso, che appaia definitivo e non permetta di sapere più nulla del destino della persona cara, può produrre un dolore simile a quello del lutto. ;) Insomma, il daimon del congiunto non è più con noi, il suo essere ci ha abbandonati, perciò soffriamo, e non fa differenza se l'anima si è trasferita all'altro lato del mondo, insieme con un corpo ancora funzionante, ovvero è volata in cielo, metaforicamente parlando: conta solo che ogni relazione è troncata in modo netto, quale che ne sia la causa. 8-)
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

GioMira1205

Re: Morti e daimon

Messaggio da GioMira1205 » ven 14/giu/2013 22:10:48

Io ho pianto molto il 19 maggio 2012 per la morte della mia cara nonna(rip) e credo che la tristezza deriva dal fatto che non potrò più sentire la sua voce o le sue coccole!! insomma: il daimon che non c'e più passa in secondo piano direi!!

Avatar utente
Cassandra e Sibilin
Daemian
Messaggi: 4459
Iscritto il: mer 17/dic/2008 16:05:00
GPC: 08 dic 2008
Forma: campo base
Località: Qui.
Età: 30

Re: Morti e daimon

Messaggio da Cassandra e Sibilin » ven 14/giu/2013 22:17:20

Quando è morto il mio cane credo di non aver mai sentito Sibilin in un certo modo. E' stato più o meno come ricevere una pugnalata in pieno stomaco.

Credo che lei, essendo per me difficile esprimere alcuni tipi di emozioni, prema su determinati tasti per farle uscire e sfogarmi, altrimenti sa che terrei tutto dentro fino alla completa e distruttiva esplosione.
E sa farlo benissimo.
I'll shake the ground with all my might
I will pull my whole heart up to the surface
For the innocent, for the vulnerable
I'll show up on the front lines with a purpose
And I'll give all I have, I'll give my blood, I'll give my sweat-
An ocean of tears will spill for what is broken
I'm shattered porcelain, glued back together again
Invincible like I've never been

Avatar utente
Ross
Daemian
Messaggi: 1895
Iscritto il: ven 24/ago/2012 23:35:00
GPC: 0- 8-2010
Forma: Panthera pardus delacouri
Età: 27
Contatta:

Re: Morti e daimon

Messaggio da Ross » ven 14/giu/2013 22:26:30

Allora Darklyn mi è stata accanto nei più recenti lutti che mi hanno sconvolta, ho sempre sentito la sua presenta come se fosse una coperta calda.
Quando è morta la mia coniglietta ha cercato di farmi andare avanti e mi ha spinto ad entrare nella stanza dove la tenevo. Quando è morto mio nonno, mi ha tenuta compagnia nelle ore che ho passato da sola al buio seduta sul divano a casa mia mentre tutti erano giù a vegliare mio nonno, quando per i nervi che mi cedevano camminavo avanti e indietro nel giardino, nonostante avessi freddo.
Ed è sempre stata presente anche a forza, quando non volevo sentire o vedere nemmeno lei, quando è morta una zia, 2 mesi dopo la morte di mio nonno, che per me era come una nonna.
Non mi ha mai abbandonata, anche quando io non avevo voglia di ascoltarla mi è stata accanto in altri modi. Sono molto *troppo* razionale e vivo cinicamente. Affronto la morte con raziocinio ma le emozioni che ne provoca non sono in grado di controllarle e allora Darklyn mi protegge
Mostra

Rispondi