Correlazione tra geni e daimon

Meditiamo sugli aspetti filosofici e formuliamo ipotesi ragionevoli sul Daimonismo!
Rispondi
Avatar utente
Caelum
Daemian
Messaggi: 384
Iscritto il: gio 22/giu/2017 12:54:19
GPC: 05 mag 2017
Forma: Morpho Menelaus
Località: Pagina 666 della Bibbia
Età: 16

Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Caelum » dom 14/ott/2018 17:41:28

Buongiorno carissimi!

Oggi sono qui per presentarvi un dubbio che mi è venuto leggendo Divergent. Come ci viene detto nel libro i geni danneggiati delle persone influiscono sulla loro coscienza e sul loro comportamento: gli Abneganti hanno per esempio una disfunzione genetica nel tratto dell'autoconservazione, mentre gli Intrepidi non provano paura, ma una particolare eccitazione, questo li porta però ad essere crudeli; mentre come ultimo esempio porto gli Eruditi la cui parte danneggiata si trova nel mostrare emozioni, infatti sono molto intelligenti ma freddi.

Io mi sono documentato, e anche se non ho mai affrontato questo argomento a scuola, ho scoperto che sì, i geni influenzano le nostre scelte, i nostri comportamenti e la nostra coscienza (daimon), ma non sono solo i geni a compiere questa azione particolare ma anche le persone che ci circondano, e gli ambienti in cui si vive hanno il loro effetto sui nostri comportamenti e modi di fare.
Per esempio, ho trovato un articolo molto interessante che parla di Adamo ed Eva, la prima coppia da cui si racconta sia discesa tutta l'umanità, la prima coppia ad aver peccato mangiando la famosa mela.
Da quando il Creatore si arrabbiò e li mando a vivere sulla Terra, i bambini nascono con il Peccato Originale, che poi viene tolto tramite il battesimo, ma allora perchè l'essere umano è propenso a peccare, perchè una donna battezzata soffre mentre partorisce quando secondo la chiesa il battesimo le viene tolto il Peccato Originale, o un bambino sempre battezzato disubbidisce all'ordine di un genitore?

Passando ad un argomento più scientifico, che parla di argomenti provati scientificamente tramite lo studio sulla mente umana, vi parlo della memoria genetica.
Uno studio sulle paure rivela che le fobie sono, almeno in parte, tramandate geneticamente attraverso l'albero genealogico: io paura dell'altezza, mio padre non ha paura dell'altezza, mio nonno ha paura dell'altezza. Per esempio mio padre ha paura dei topi per un'esperienza avuta quando era piccolo, io vorrei avere un cincillà o un topolino in casa come animale domestico; io potrei essere "portatore" della paura dei topi e potrei trasmetterla ai miei figli.

Alla fine di tutto questo caos di parole in cui si spera si sia capito qualcosa, la mia teoria è questa: i geni influenzano una piccola parte del nostro Io, il Daimon. Vista da questo punto di vista, questa parte di memoria genetica che è nella parte immutabile di noi è come se fosse un'eredità che viene tralasciata tramite i geni, un po' come il colore degli occhi, o dei capelli.

Cosa ne pensate? E' interessante come teoria o la trovate una baggianata?
Io sono lei.
Lei è me.
Siamo le due facce della stessa medaglia


Immagine

Intelligence is the ability to adapt to change

Avatar utente
Anna & Alexis
Daemian
Messaggi: 357
Iscritto il: gio 05/gen/2017 19:12:54
GPC: 02 gen 2017
Forma: varie
Località: Piemonte
Età: 21

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Anna & Alexis » lun 15/ott/2018 22:49:04

Heii ciaoo, menomale che ci sei te a portare discussioni nuove ogni tanto.

Comunque, mi sembra un argomento interessante il tuo, io non ne so molto di genenetica (non ancora almeno) però ti cito un articolo che ho trovato su internet e che spiega le correlazioni tra i geni e il carattere di una persona
Mostra
Quindi non è soltanto il tuo patrimonio genetico a definire chi sei e il tuo carattere, ma in gran parte questo è definito dal contesto sociale e culturale in cui sei nato, cresciuto e in cui tutt'ora vivi. Il carattere di una persona è mutabile, non è una cosa statica con cui ci nasci e rimane così per sempre, e lo stesso vale per il daimon; si che lui rappresenta i capi saldi del tuo essere però anch'esso non è immune agli eventi che ti capitano nella vita.
Poi sulla parte religiosa che hai citato te non mi esprimo perché in quell'ambito ognuno ha una sua interpretazione e ideologia e non si arriverebbe mai ad un punto.
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare.

Avatar utente
Luci e Stoy
Daemian
Messaggi: 1605
Iscritto il: mer 04/nov/2015 19:40:44
GPC: 0-11-2015
Forma: Panda minore
Località: A galaxy far far away....(???)
Età: 22

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Luci e Stoy » mar 16/ott/2018 15:44:08

Ehilà! Ho letto giorni fa ma ero troppo piena di cose da fare,in generale concordo con Anna ma vorrei informarmi di più sull'argomento.
Ho letto che l'influenza genetica sul comportamento è un problema ancora molto controverso e discusso e, soprattutto, si conosce molto poco sui meccanismi che la regolano. La cosa davvero difficile è distinguere l'influenza dei geni da quella dell'ambiente. Esiste un discorso diverso per quanto riguarda invece gli animali, perché si studiano geni che influenzano il comportamento che si possono manipolare in condizioni in cui sono ridotte le differenze ambientali tra gli individui studiati.
Si possono utilizzare mutazioni, per stabilire il ruolo di un gene nel comportamento, oppure mappare e identificare i geni responsabili, comunque senza troppi paroloni il punto è che si è scoperto che la relazione tra geni e comportamento è molto complessa perché più geni contribuiscono ad uno stesso aspetto del comportamento, e anche il comportamento non è una cosa singola ma una proprietà che deriva dall'interazione di diversi sistemi nell'organismo.
E i geni possono influenzare il comportamento partecipando a tutti i maggiori processi biologici, come lo sviluppo, la fisiologia e la biochimica dei segnali intracellulari. I grandi risultati si hanno da studi svolti su animali, comunque, geni che influenzano il comportamento a livello di ritmi biologici, di riproduzione, di variazioni genetiche... pensa solo alla selezione con l'addomesticamento...E' un discorso complesso,
Se non erro poi in molti si interessano su studi di genetica effettuati su coppie di gemelli, che hanno dimostrato che la maggior parte delle caratteristiche umane sono almeno parzialmente influenzate dai geni, ma rimane il fatto che molte attività e funzioni dei geni sono aperte a influenze di tipo ambientale: i geni stessi possono essere attivati o spenti da segnali che provengono dall’esterno, oppure studi su figli biologici e adottivi: se un figlio risulterà più simile per un determinato carattere al genitore biologico rispetto che al genitore adottivo, allora per quel carattere si suppone siano importanti i geni; al contrario, se il figlio risulterà più simile per quel carattere al genitore adottivo, si supporrà che per quel carattere sarà più importante l’ambiente.
E niente, forse questa è solo una sfilza di cose inutili. Il fatto è che è tutto ancora in studio e sicuramente l'ambiente ci influenza. Quindi è possibile che influenzino anche il comportamento del nostro daimon, Ora mi tocca tornare sui libri, mi ci rimetto più tardi semmai,perché comunque è una discussione interessante! :-)
Daemian-ISFJ- 9w1 - Proud Hufflepuff
Immagine
Daemon- Proud Ravenclaw
Immagine

You can't control life
but you can control
how you react to it.
In all of life's craziness,
find the joy in it...
Dance like no one's watching!
-Lindsey Stirling


Immagine

Avatar utente
Woofiramy
Daemian
Messaggi: 58
Iscritto il: mar 09/ott/2018 17:47:13
GPC: 23 mar 2017
Forma: Daino
Località: Bologna
Età: 16

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Woofiramy » mar 16/ott/2018 16:01:43

Non so se ho capito bene quello a cui vuoi arrivare, ma io penso che sì, i daimon sono parzialmente influenzati dai geni, essendo loro presenti fin dalla nascita del daemian.
Il daemon è la personalità dell’umano e quindi una volta raggiunta la maturità mentale è difficile da trasformare, dopotutto chi nasce tondo non muore quadrato (al massimo muore esagonale). Piuttosto, il daemon si adatta alle necessità del daemian imposte dalle circostanze e agisce di conseguenza.

Avatar utente
Caelum
Daemian
Messaggi: 384
Iscritto il: gio 22/giu/2017 12:54:19
GPC: 05 mag 2017
Forma: Morpho Menelaus
Località: Pagina 666 della Bibbia
Età: 16

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Caelum » mar 16/ott/2018 20:04:47

Ehilà! Ammetto di non essermi proprio spiegato bene: non volevo assolutamente dire che fossero solo i geni che condizionano il nostro comportamento, per esempio il figlio di un assassino potrebbe diventare uno dei massimi sostenitori di associazioni che operano per il bene (o cose del genere); ovviamente l'ambiente e le persone che frequentiamo giocano un ruolo fondamentale nella formazione dei nostri atteggiamenti.
Il punto d'arrivo che voleva avere la questione era: visto che i nostri geni sono un misto di quelli dei nostri genitori, questo fa del nostro daimon una specie di "figlio" dei daimon dei nostri genitori, o ancora il "figlio dell'educazione e della mentalità che ci ha fornito il nostro ambiente e le persone con cui ci confrontiamo tutti i giorni.
Quindi pensiamo ad un ipotetico bambino abbastanza grande (sui 5-6 anni) da potersela cavare, che va a fare campeggio in una foresta insieme ai genitori, e si perde (lo so, mi dispiace tanto ma non mi è venuto un esempio più originale) e non viene più ritrovato.
Ipoteticamente il bambino sopravvive e cresce, diventa sempre più grande, e più meno verso la mia età (13-14 anni), non si ricorderà minimamente i suoi genitori o la civiltà; questo bambino non ha mai avuto un'educazione vera e propria, non ha contatti con le persone...
E il suo daimon? Nonostante i geni umani, il daimon, sarà diventato qualcosa di più animale (perchè dal mio punto di vista, il daimon è la nostra più animale e selvaggia) di quello che non è già.... In qualche modo l'umano sarebbe diventato il daimon...

Ricollegandoci all'argomento iniziale, tramite questo esempio possiamo (seppure con una nota di impossibilità) dire che il daimon, il nostro vero Io, è diventato qualcosa di anormale, perchè in qualche modo questo bambino, chiamiamolo Abelardo, ha subito una specie di disfunzione genetica(?)
E il daimon si è plasmato sulle esigenze della vita di Abelardo, un po' come è successo agli abitanti di Chicago(?)

Ok dopo questo arrampicamento che sembra fatto sugli specchi, vi lascio che vado a ripassare anch'io! 👋
Io sono lei.
Lei è me.
Siamo le due facce della stessa medaglia


Immagine

Intelligence is the ability to adapt to change

Avatar utente
Woofiramy
Daemian
Messaggi: 58
Iscritto il: mar 09/ott/2018 17:47:13
GPC: 23 mar 2017
Forma: Daino
Località: Bologna
Età: 16

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Woofiramy » mar 16/ott/2018 23:23:16

Quello che dici è giusto.
Come ho detto prima, i daimon si adattano alle necessità dell’umano, perciò Abelardo (che coraggio da parte dei genitori a chiamarlo così xD) non avrà bisogno di chissà quali consigli filosofici. Io penso però che anche se non ne ha bisogno, “quella parte umana” c’è sempre.

Avatar utente
Caelum
Daemian
Messaggi: 384
Iscritto il: gio 22/giu/2017 12:54:19
GPC: 05 mag 2017
Forma: Morpho Menelaus
Località: Pagina 666 della Bibbia
Età: 16

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Caelum » mer 17/ott/2018 18:09:51

Certamente, ma è come se non ci fosse: a parere mio, come tutte le cose che non servono (i ricordi di quando eravamo piccoli per esempio), anche i geni umani vengono immagazzinati da qualche parte, così Abelardo resterà certo umano, ma quella sua parte civilizzata verrà soppressa per far spazio all'istinto animale che gli serve per sopravvivere. E' questa in qualche modo credo si possa chiamare disfunzione genetica "indotta", in quanto non l'abbia scelto lui di perdersi in quella foresta.
Io sono lei.
Lei è me.
Siamo le due facce della stessa medaglia


Immagine

Intelligence is the ability to adapt to change

Avatar utente
Anna & Alexis
Daemian
Messaggi: 357
Iscritto il: gio 05/gen/2017 19:12:54
GPC: 02 gen 2017
Forma: varie
Località: Piemonte
Età: 21

Re: Correlazione tra geni e daimon

Messaggio da Anna & Alexis » lun 22/ott/2018 11:56:15

Sono andata a leggere qualcosa sull'argomento, soprattutto riguardo ai bambini cresciuti in modo selvaggio in mezzo agli animali, e ho trovato un articolo molto interessante su focus in cui racconta le storie di molti bambini che sono riusciti a sopravvivere perché adottati da altre specie di animali.
E una frase che mi è piaciuta molto in questo articolo è questa "umani non si nasce, si diventa". Questo mi ha fatto capire che noi non siamo poi così diversi dagli animali, perché come dimostrato dalle storie di questi bambini, senza alcuna influenza da parte della società, senza alcuna istruzione o educazione, noi saremmo effettivamente delle scimmie senza peli. Quindi non sono i nostri geni a renderci umani (perché pure questi non è che abbiano moltissime differenze da quelli delle scimmie) ma sono tutti quelli che ci stanno in torno a plasmarci per farci appartenere alla specie con cui viviamo.
E il daimon in tutto questo non so bene che ruolo possa giocare però, se lo intendiamo come la parte più selvaggia dell'animo umano, credo che per quei bambini cresciuti nella natura si possa dire che esso abbia preso completamente il controllo di loro rendendoli appunto degli animali, e quindi a questo punto non si capisce più bene quale sia il confine tra umano e animale perché tutti noi siamo animali in fin dei conti, soltanto che ci hanno insegnato a tenere bene a bada dentro di noi quella parte animalesca che ci spaventa tanto.

Boh non so se sono riuscita a spiegarmi bene e a risponderti però ti linco qua l'articolo che ho letto e se ti interessa vai a darci un occhiata
https://www.focus.it/ambiente/animali/l ... elvaggi
Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare.

Rispondi