Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Meditiamo sugli aspetti filosofici e formuliamo ipotesi ragionevoli sul Daimonismo!
Avatar utente
Luci e Stoy
Daemian
Messaggi: 1605
Iscritto il: mer 04/nov/2015 19:40:44
GPC: 0-11-2015
Forma: Panda minore
Località: A galaxy far far away....(???)
Età: 22

Re: Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Messaggio da Luci e Stoy » mer 07/feb/2018 23:15:43

Andrea ha scritto:
mar 06/feb/2018 21:55:18
Innanzitutto complimenti per il topic, esaustivo e allo stesso tempo interessante da leggere.
Una mia riflessione: Estés usa come termine di riferimento la donna, e questo mi ha fatto pensare a come effettivamente ci siano più daemian femmine che non maschi, almeno sul forum. Certo, potrebbe essere benissimo una coincidenza priva di significato, ma è una spiegazione che non mi lascia soddisfatto: secondo me invece è più legato a quello scontro tra le aspettative della società e le proprie vocazioni.
La società odierna infatti è ancora (anche se meno che in passato) costruita su un modello di egemonia maschile, con le donne che solo da poco hanno cominciato a ritagliarsi uno spazio al di fuori dei pochi ruoli ad esse assegnati, di gran lunga minori rispetto al ventaglio di possibilità che hanno gli uomini. Scarsità e rigida predeterminazione dei ruoli comportano una maggiore probabilità di conflitto tra il daimon e questi ruoli che la società impone o comunque imponeva fino a poco fa. Ciò non vuol dire che gli uomini non possano anch'essi trovarsi in questo conflitto, semplicemente sarà meno probabile.
Come solitamente ci si accorge di un organo quando esso è malato o comunque ha qualcosa che non funziona, allo stesso modo ci accorgiamo del daimon quando esso è "malato", ignorato, denutrito, cioè quando le sue (e le nostre) aspirazioni non hanno avuto modo di concretizzarsi.
Mi ha colpito molto quello che hai scritto, al di là del modo (pss mi piace come scrivi se non si era capito)ma comunque è qualcosa su cui mi ero fermata a ragionare davvero poco, o forse semplicemente lo davo per scontato? Quindi grazie :3 per la questione daimonismo 'al femminile' credo che la maggioranza di donne daemian, o almeno qui sul forum come hai detto, possa anche essere collegata a una sorta di "maggiore sensibilità"... O più che sensibili introspezione, ho notato che è molto più difficile rapportarsi con se stessi o almeno per quanto riguarda molti ragazzi che conosco, forse anche a causa dell'educazione che uno riceve o di cose simili. Sì, in pratica non è che ho detto chissà cosa, quindi ciao meglio se dormo xD però spunto interessante, davvero:)


@Tundra ma, ora che ci penso, in paragoni esterni non ci starebbe bene come discussione?
Daemian-ISFJ- 9w1 - Proud Hufflepuff
Immagine
Daemon- Proud Ravenclaw
Immagine

You can't control life
but you can control
how you react to it.
In all of life's craziness,
find the joy in it...
Dance like no one's watching!
-Lindsey Stirling


Immagine

Avatar utente
Pandemonium
Amministratrice
Messaggi: 4926
Iscritto il: sab 25/feb/2012 14:47:57
GPC: 24 giu 2009
Forma: Corvo
Località: Piemonte
Età: 22

Re: Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Messaggio da Pandemonium » gio 08/feb/2018 12:45:05

Andrea ha scritto:
mar 06/feb/2018 21:55:18
Innanzitutto complimenti per il topic, esaustivo e allo stesso tempo interessante da leggere.
Una mia riflessione: Estés usa come termine di riferimento la donna, e questo mi ha fatto pensare a come effettivamente ci siano più daemian femmine che non maschi, almeno sul forum. Certo, potrebbe essere benissimo una coincidenza priva di significato, ma è una spiegazione che non mi lascia soddisfatto: secondo me invece è più legato a quello scontro tra le aspettative della società e le proprie vocazioni.
La società odierna infatti è ancora (anche se meno che in passato) costruita su un modello di egemonia maschile, con le donne che solo da poco hanno cominciato a ritagliarsi uno spazio al di fuori dei pochi ruoli ad esse assegnati, di gran lunga minori rispetto al ventaglio di possibilità che hanno gli uomini. Scarsità e rigida predeterminazione dei ruoli comportano una maggiore probabilità di conflitto tra il daimon e questi ruoli che la società impone o comunque imponeva fino a poco fa. Ciò non vuol dire che gli uomini non possano anch'essi trovarsi in questo conflitto, semplicemente sarà meno probabile.
Come solitamente ci si accorge di un organo quando esso è malato o comunque ha qualcosa che non funziona, allo stesso modo ci accorgiamo del daimon quando esso è "malato", ignorato, denutrito, cioè quando le sue (e le nostre) aspirazioni non hanno avuto modo di concretizzarsi.
Grazie per la domanda e per averla portata qui, in modo da discuterne pubblicamente tutti insieme!
Come te penso che non sia una vera e propria coincidenza, ma allo stesso non mi piace nemmeno la spiegazione del "le donneh sono diverseh" perché se possibile mi fa ancora più ribrezzo del non darci un significato effettivo. E' vero che le spettative nei confronti della popolazione femminile sono differenti. La società è cambiata ma spesso molti mestieri, molti "campi" sono negati (o comunque sconsigliati per una questione culturale) alle donne. E' il caso ad esempio della meccanica, o del calcio, o di qualsiasi altro lavoro o sport categorizzati principalmente come maschili (e se esiste il calcio femminile, è spesso considerato a priori "inferiore" o "non vero calcio" o "da lesbiche", scusate se sono sboccata).
Quindi sì, può essere probabile che la donna sia più "pressata" interiormente e le vengano negate determinate passioni, ma alla fin fine, questo discorso potrebbe venire esteso anche al maschile: si pensi ad un uomo che ama ballare e viene subito etichettato come "gay" o "effemminato". Esattamente come la cultura segna al femminile, lo fa anche al maschile. Forse può essere più raro che ciò avvenga, perché normalmente all'uomo non viene negata la carriera nè viene particolarmente rimproverato se non si occupa in maniera costante della famiglia o della casa - ma grazie a dio da alcuni dati raccolti, le cose stanno sensibilmente cambiando anche da questo punto di vista. Si pensi soltanto che fino a cinquant'anni fa era piuttosto normale che la moglie passasse il suo tempo da casalinga ed era anzi fuori discussione che lavorasse o, peggio ancora, studiasse. Specie nel popolo di fascia medio-bassa. Quindi i ruoli erano particolarmente marcati e chiari: donna a casa, con bambini e faccende domestiche; uomo che si spaccava la schiena fuori e una volta tornato al nido non alzava un muscolo e si riposava.
Oggi la donna è come l'uomo degli anni 50 ed è perciò ovvio che in una coppia sana i compiti domestici siano ripartiti in equa misura.
Ma sto uscendo fuori dal discorso.
per la questione daimonismo 'al femminile' credo che la maggioranza di donne daemian, o almeno qui sul forum come hai detto, possa anche essere collegata a una sorta di "maggiore sensibilità"... O più che sensibili introspezione, ho notato che è molto più difficile rapportarsi con se stessi o almeno per quanto riguarda molti ragazzi che conosco, forse anche a causa dell'educazione che uno riceve o di cose simili.
Questo può essere interessante, ma penso che la scarsa introspezione sia un problema comune ad entrambi i sessi: la nostra società spinge all'azione, al consumare, all'ottenere il più in fretta possibile - si pensi anche ai mezzi di comunicazione sempre più rapidi -, al divertimento. Non è una cosa cattiva di persè, ma certamente questo non aiuta a soffermarsi a riflettere sui propri sentimenti, per esempio. E' difficile anche qualitiativamente trovare una persona con cui fare un buon discorso profondo. Ma forse questo è solo un problema mio!

Tutto questo per dire: gnigni.
Nel senso, non so trovare un vero nodo su cui basarmi, e reputo invece che quel discorso possa essere tranquillamente universale. E' vero, ci sono più donne sul forum, ma sorpresona, ci sono anche più donne su forum di scrittura, per esempio. Non penso che i maschi non scrivano, anzi, ma forse per motivi culturali (e qui mi collego a Lucy) sono spinti a non fare certe cose, perché "l'uomo deve nascondere i sentimenti". Tuttavia abbiamo la dimostrazione ogni giorno che esistono un sacco di uomini artisti, e anzi, sono molto sensibili.
Quindi non si arriva ad un vero "capo" della questione.
Continuo a sostenere che il libro sia un ottimo spunto per tutti, che siano donne o uomini. Certamente non bisogna spaventarsi dell'utilizzo in larga scala del femminile, che permea l'intera opera. MA contestualizzando, ha completamente senso. Parla al lato femminile che vive in noi, considerato intuitivo e creatore nellla psicanalisi junghiana (e non solo questo, ma vbb riassumo).
@Tundra ma, ora che ci penso, in paragoni esterni non ci starebbe bene come discussione?
Eccome, se ci sta. Ottima idea <3
ESFP | 3w2 | Hufflepuff | House Lannister | Cassandra Pentaghast | Pagan
Immagine
Grazie a Bolla, Sapha e Shi per le bellissime immagini!

Avatar utente
Luci e Stoy
Daemian
Messaggi: 1605
Iscritto il: mer 04/nov/2015 19:40:44
GPC: 0-11-2015
Forma: Panda minore
Località: A galaxy far far away....(???)
Età: 22

Re: Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Messaggio da Luci e Stoy » gio 08/feb/2018 13:59:55

E' vero che le spettative nei confronti della popolazione femminile sono differenti. La società è cambiata ma spesso molti mestieri, molti "campi" sono negati (o comunque sconsigliati per una questione culturale) alle donne. E' il caso ad esempio della meccanica, o del calcio, o di qualsiasi altro lavoro o sport categorizzati principalmente come maschili (e se esiste il calcio femminile, è spesso considerato a priori "inferiore" o "non vero calcio" o "da lesbiche", scusate se sono sboccata).
Quindi sì, può essere probabile che la donna sia più "pressata" interiormente e le vengano negate determinate passioni, ma alla fin fine, questo discorso potrebbe venire esteso anche al maschile: si pensi ad un uomo che ama ballare e viene subito etichettato come "gay" o "effemminato". Esattamente come la cultura segna al femminile, lo fa anche al maschile. Forse può essere più raro che ciò avvenga, perché normalmente all'uomo non viene negata la carriera nè viene particolarmente rimproverato se non si occupa in maniera costante della famiglia o della casa - ma grazie a dio da alcuni dati raccolti, le cose stanno sensibilmente cambiando anche da questo punto di vista.
Mi piace come ragioni, ragazza 8-) Sei riuscita a spiegare esattamente quello che pensavo, solo non riuscivo :lol: Anche per la questione della scarsa introspezione come problema comune, sembra più una costante delle "nuove generazione" se vogliamo,, o di persone che hanno ricevuto una certa educazione per quanto riguarda il come esternare o il quando le proprie emozioni o simili, ma questo è solo quello che ho potuto osservare da casi che mi sono familiari eh, magari la realtà è tutt'altra
(..)reputo invece che quel discorso possa essere tranquillamente universale. E' vero, ci sono più donne sul forum, ma sorpresona, ci sono anche più donne su forum di scrittura, per esempio. Non penso che i maschi non scrivano, anzi, ma forse per motivi culturali (e qui mi collego a Lucy) sono spinti a non fare certe cose, perché "l'uomo deve nascondere i sentimenti". Tuttavia abbiamo la dimostrazione ogni giorno che esistono un sacco di uomini artisti, e anzi, sono molto sensibili.
Quindi non si arriva ad un vero "capo" della questione.
Continuo a sostenere che il libro sia un ottimo spunto per tutti, che siano donne o uomini. Certamente non bisogna spaventarsi dell'utilizzo in larga scala del femminile, che permea l'intera opera. MA contestualizzando, ha completamente senso. Parla al lato femminile che vive in noi, considerato intuitivo e creatore nella psicanalisi junghiana (e non solo questo, ma vbb riassumo).
Ecco, proprio a questo alludevo :) Resta comunque uno spunto di riflessione niente male,anzi, magari appena posso approfondisco anche.
Daemian-ISFJ- 9w1 - Proud Hufflepuff
Immagine
Daemon- Proud Ravenclaw
Immagine

You can't control life
but you can control
how you react to it.
In all of life's craziness,
find the joy in it...
Dance like no one's watching!
-Lindsey Stirling


Immagine

Claudio-Olyandra
Daemian
Messaggi: 4885
Iscritto il: dom 03/feb/2008 13:57:00
GPC: 02 gen 2008
Forma: Albatro urlatore
Località: Catania
Età: 32

Re: Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Messaggio da Claudio-Olyandra » lun 09/lug/2018 18:35:07

Mi conforta, emotivamente ed intellettivamente, sapere che una psicologa qualificata corrobora la tesi che io ho sempre sostenuto, fiero promotore della declinazione del Daimonismo in chiave liberale, d'emancipazione personale dai vincoli sociali, diretta a garantire che lo stato emotivo oscilli tra l'euforia e l'eutimia, senza mai sprofondare verso gli abissi della distimia, dell'apatia e dell'avvizzimento spirituale: l'uomo è stretto tra la forza ontica propulsiva, pulsionale, creativa, genuina ed essenzialmente pura, spontanea e mirante al soddisfacimento psicofisico, che è propriamente insita nel daimon, e le maglie deontiche ed assiologiche del "non si fa", "non si dice", "non si pensa", "non è opportuno", "non sta bene", "è turpe, immorale, inverecondo, laido, scostumato, inappropriato etc.", di cui la società è pervasa principalmente per la conservazione delle gerarchie di potere (l'infelice è più controllabile e la repressione dei bisogni naturali conduce alla trasgressione, dunque a scandali utilizzabili per distruggere la reputazione e la carriera delle persone politicamente, economicamente o religiosamente scomode) e per profittare del dirottamento dell'attenzione individuale dal piano dell'essere, impalpabile, incontrollabile e non suscettibile di speculazione economica, a quello dell'avere, di cui l'apparire è una costola, una pertinenza (avere notorietà, fama, quindi potere o ricchezza).

Non credo affatto che la donna sia avviluppata dai grovigli sociali più del viro (latinismo utile a cancellare le anfibologie e correlate polemiche sull'uomo come maschio che egemonizza od egemonizzerebbe la rappresentanza dell'uomo come specie umana): credo invece che i cordami che imbrigliano la donna rispondano a scopi diversi. Sarò brutale: la società è gerarchica e colloca il viro in supremazia, la donna in subalternità, dunque le pressioni sociali sono funzionali ad impedire al viro di dismettere il proprio ruolo di forza ed alla donna di acquisirlo: in particolare, il viro è libero di fare tutto quello che vuole, salvo mettere in discussione il primato dei viri nel sistema (non a caso, nella storia e nell'attualità dei Paesi incivili l'omosessualità femminile è sovente consentita, a fronte della criminalizzazione della maschile, oppure punita con più blande sanzioni o tollerata, ed il motivo è evidente: il viro omosessuale attenta al potere maschile e dev'essere represso con la durezza serbata ai ribelli che insorgono contro lo Stato, mentre un essere inferiore, la donna, che ulteriormente si degradi, andando con altre donne, appare al sistema meno rilevante del peto di uno scarafaggio morto, questo, ovviamente, nell'arcaica ideologia dei Paesi ancora lungi dall'attuare effettivamente il principio di eguaglianza); mentre la donna è libera di muoversi, all'interno dei recinti che le sono assegnati per garantirne la sudditanza al padre/marito/salcazzo di turno. Stando così le cose, diversi sono gli atti "eversivi" pel viro e pella donna: riguardo al primo, solo quelli che alterino i rapporti di potere, dunque connotati politicamente, economicamente e socialmente verso l'eguaglianza, non invece le scelte personali private; riguardo alla seconda, invece, tutti gli atti, anche privatissimi, che costituiscano evasione dal recinto, o valgano ad istigare o siano forieri di perniciosa emulazione per altre donne ardimentose.
Daimon uniuscuiusque humanitatis caput et fundamentum est semperque esto!

Avatar utente
Pandemonium
Amministratrice
Messaggi: 4926
Iscritto il: sab 25/feb/2012 14:47:57
GPC: 24 giu 2009
Forma: Corvo
Località: Piemonte
Età: 22

Re: Donne che corrono coi lupi - attingendo alla forza interiore che appartiene ad ognuno di noi

Messaggio da Pandemonium » dom 15/lug/2018 20:36:33

Siamo tutti d'accordo sul fatto che ogni essere umano abbia e risponda a determinate pressioni che la stessa società impone, il discorso come ho già ampiamente detto è rivolto al femminile in quanto la psicologa in questione si occupa principalmente di donne con problematiche determinate dal loro ruolo sottomesso e di conseguenza non libero che conduce a comportamenti e a problematiche che ledono la sanità psicofisica. Come ho già accennato lo stesso discorso si può allargare al mondo del "viro" :P
ESFP | 3w2 | Hufflepuff | House Lannister | Cassandra Pentaghast | Pagan
Immagine
Grazie a Bolla, Sapha e Shi per le bellissime immagini!

Rispondi